Napoli, Tina Rispoli: “Io estranea alla camorra”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. “Da molti anni, grido la mia totale estraneita’ alle condotte del mio ex defunto marito, nessuno mi ha creduto, ora finalmente la verita’ sta venendo a galla”.

A parlare e’ Tina Rispoli, per la quale, nell’ambito di un’inchiesta la Ddda ha chiesto l’arresto, rigettato, invece, dal gip di Napoli Tirone. “Un giudice della Repubblica Italiana, il gip la dottoressa Anna Tirone, – continua Tina Rispoli – attraverso un lavoro certosino, logico, attento a leggere bene i fatti, ha evidenziato la mia totale estraneita’ da vicende criminali e ha collocato la mia persona nella giusta posizione, ero semplicemente la moglie di Gaetano Marino, nient’altro al di fuori di questo”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La Dda di Napoli ha richiesto l’arresto di Tina Rispoli e altri 22

    “Credo nella giustizia e continuero’ a farlo – conclude Tina Rispoli – con la sicurezza di una persona onesta e per bene. Ringrazio mio marito, Toni Colombo e i miei tre figli per la forza e il sostegno, loro sono l’unica famiglia a cui appartengo”. 






    LEGGI ANCHE

    Arrestato pusher a Villa Literno grazie al cane antidroga Luna

    A Villa Literno, nel casertano, i carabinieri hanno arrestato un giovane pusher grazie all'intervento del cane antidroga Luna, che ha scoperto la presenza di...

    Anche per i due maggiorenni degli stupri a Caivano si farà il processo immediato

    Il gip del Tribunale di Napoli Nord ha disposto il giudizio immediato per i due maggiorenni coinvolti negli stupri delle due cuginette di 10...

    Aggredisce guardia giurata all’ospedale Villa Betania di Ponticelli

    Ieri sera, poco prima delle 23, un individuo di 33 anni ha attaccato verbalmente e fisicamente una guardia giurata all'interno del pronto soccorso dell'ospedale...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE