koulibaly



Un buon si ferma sul pari a Roma: 0-0 all’Olimpico contro i giallorossi e primo stop in campionato, ma vetta della classifica conservata. Bene il reparto difensivo, anche oggi imbattuto, fa più fatica il reparto offensivo con e . Bene anche Osimhen, fermato dai legni: queste le pagelle.

Ospina: 6. La Roma va due volte vicinissima al vantaggio ma in entrambi i casi non è chiamato alla parata. Prestazione solida, nessun errore e altro clean sheet, l’ennesimo.

ADS

Di Lorenzo: 6,5. Altra partita buona, poca fatica nonostante il fatto di aver giocato praticamente tutte le partite dall’inizio della stagione. Bene in fase difensiva ed offensiva.

Rrahmani: 6,5. Non sfigura al fianco di un muro come Koulibaly e ci mette la faccia: una partita di grinta, quella che gli ha permesso di conquistare il posto da titolare sotto la gestione di Spalletti.

Koulibaly: 7. Vince tutti i contrasti e chiude tutti gli spazi: partita da colosso del centrale senegalese. Lui il migliore, senza alcun dubbio: arriva un’altra porta inviolata.

Mario Rui: 6. Regge bene in fase difensiva, dalle sue parti i pericoli sono limitati bene. Si fa vedere poco in quella offensiva con qualche cross innocuo.

Anguissa: 6,5. E’ costantemente in ogni zona del campo e per poco non guadagna anche un rigore in avvio di ripresa. Giocatore fenomenale, uno dei “top” assoluti dell’undici finora imbattuto di Spalletti.

LEGGI ANCHE  Napoli, insediamento Battaglia: 'Povertà non è categoria ma volto, nome, storia'

Fabian Ruiz: 6. Il centrocampo regge bene, anche se forse ci si aspettava qualcosa in più da parte sua. Errori, comunque, non ne commette.

Politano: 6. Vina lo contiene bene, ma l’esterno riesce comunque a rendersi insidioso in diverse occasioni. Su tutte quella al quarto d’ora della ripresa, dove solo davanti al portiere trova il passaggio per Osimhen che viene chiuso da Mancini sul palo (dal 70′ Lozano).

Zielinski: 5,5. Qualche spunto, ma ancora troppo poco. Rischia tanto perdendo un pallone che lancia Abraham a tu per tu con Ospina. Influisce forse, anche l’affaticamento accusato in settimana e che lo ha costretto al forfait contro il Legia (dal 70′ Elmas 6)

Insigne: 5,5. Nessun errore particolarmente grave, ma risulta un po’ opaco e spesso fuori dalla partita. ne capisce le difficoltà (e forse la stanchezza) e prova a smuovere le carte sostituendolo per il quarto d’ora finale (dall’80’ Mertens: sv).

Osimhen: 6,5. In attacco è il solito tornado, questa volta lo ferma solo la sfortuna. In tre occasioni va vicinissimo al vantaggio: palo grazie al salvataggio decisivo di Mancini, traversa poco dopo su corner e gol annullato nel finale per fuorigioco (netto).

 Vincenzo Scarpa



Vincenzo Scarpa, studente di Scienze Politiche all'Università di Napoli Federico II. Appassionato di qualsiasi tipo di sport e serie tv, ama scrivere e parlare di calcio

Koulibaly: “Scudetto? E’ ancora presto”

Notizia precedente

Impresa Gevi Napoli Basket: battuti i campioni d’Italia del Bologna

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..