Camorra, le nuove leve dei clan del Vomero con a capo Andrea Basile. TUTTI I NOMI

SULLO STESSO ARGOMENTO

#AndreaBasile, con la moglie #AnnaEsposito, aveva stabilito un direttorio del clan nella sua abitazione. Con lui le giovani leve della camorra del #VomeroNelle 410 pagine dell’ordinanza cautelare, a carico di 48 persone (ma gli indagati sono 53), firmate dal gip Claudio Marcopido si delinea la storia criminale della camorra del Vomero dagli anni Novanta ad oggi.

Con il comando di Andrea Basile che aveva stabilito il quartiere generale della cosca presso la sua abitazione lontano da occhi indiscreti. Attorno alla  sua figura vi è una sorta di direttorio costituito da Giovanni Caruson, colui che era deputato ad avere i rapporti con i Liccardi e le altre cosche di Napoli,  Salvatore Pellecchia, autista di Basile ma anche esattore del pizzo, Domenico Gargiulo, genero del boss Gennaro Formigli, Salvatore Arena, anche lui come Gargiulo tra le giovane leve della cosca addetto alla riscossione delle estorsioni e infine Mario Simeoli, figlio dello storico camorrista detenuto, Francesco Simioli detto ‘o bumbularo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, così gli 8 clan si dividevano gli appalti negli ospedali

    Si tratta di giovani leve di cui si era circondato Basile che insieme con la moglie Anna Esposito controllava e divideva le mesate per gli affiliati e le famiglie dei detenuti. Il giovane Mario Simeoli insieme con Rosario Somma e Salvatore Zampini era “la voce del clan” all’interno del Cardarelli. In quanto tutti  e tre dipendenti della Romeo Gestione fungevano da portatori di notizie e di ordini nella struttura ospedaliera. Delle vere e proprie “spie”.

    ecco chi sono i 53 indagati

    1. ARENA Salvatore, di 41 anni;

    2. BASILE Andrea, di 68 anni

    3. BRANDI Cito, di 57 anni;

    4. CARUSON Giovanni, di 69 anni;

    5. CIFRONE Gaetano,

    6. CIMMINO Franco Diego, di 35 anni;

    7. CIMMINO Luigi, di 60 anni;

    8. CIRELLA Giovanni, di 51 anni;

    9. D’ANDREA Sergio, di 63 anni;

    10. DE CICCO Massimiliano, di 46 anni;

    11. DE LUCA Antonio, di 52 anni;

    12. DESTO Alessandro, di 63 anni;

    13. DI MARTINO Luigi, di 72 anni;

    14. DI POPOLO Anna, di 53 anni

    15. ESPOSITO Alessandro,

    16. ESPOSITO Anna, di 65 anni;

    17. ESPOSITO Renato, di 58 anni;

    18. FERRMUOLO Luigi, di 62 anni;

    19. FIORE Eduardo, di 64 anni;

    20. FIORETTO Cosimo, di 64 ann;

    21. FRIZZIERO Salvatore, di 55 anni;

    22. GALANO Guido, di 67 anni;

    23. GARGIULO Domenico, di 33 anni;

    24. GRIMALDI Benito, di 47 anni;

    25. LUONGO Francesco, di 60 anni;

    26. MAIONE Abramo, di 65 anni;

    27, MARTINO Gaetano, di 67 anni;

    28. MASTANTUONO Luigi, di 69 anni;

    29. NAPOLI Giovanni, di 39 anni;

    30. NENNA Daniela, di 46 anni;

    31. PALMA Pasquale, di 40 anni;

    32. PAOLINO Simone, di 41 anni;

    33. PELLECCHIA Salvatore, di 52 anni;

    34. PELLINO Domenico, di 50 anni;

    35. PESCE Antonio, di 77 anni;

    36. PONE Vincenzo, di 60 anni

    37. RICCIO Cipriano, di 63 anni;

    38. RICCIO Salvatore, di 67 anni

    39. RIGIONE Fabio, di 39 anni;

    40. RUSSO Mariangela, di 42 anni;

    41. SACCO Giuseppe, di 74 anni;

    42. SACCO Raffaele, di 44 anni;

    43. SACCO Raffaele, di 53 anni;

    44. SALVATI Marco, di 51 anni;

    45. SIMEOLI Mario, di 44 anni;

    46. SOMMA Rosario, di 53 anni;

    47. STEFANELLI Gennaro, di 58 anni;

    48. TEANO Andrea, di 39 anni;

    49. TEGHEMIE Antonio, di 75 anni;

    50. TROMBETTA Luigi, di 47 anni

    51. VIGGIANI Vincenzo, di 67 anni

    52. VISONE Luigi, di 43 anni;

    53. ZAMPINI Salvatore, di 47 anni.






    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE