Bimba di 5 anni muore travolta dalla porta del campo di calcio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una bambina di cinque anni, Sofia Piccioli è morta nel pomeriggio di ieri dopo essere stata travolta dalla porta di ferro di un campo di calcio in disuso a Rocca di Botte i provincia de L’Aquila.

La piccola figlia unica di una coppia romana 27enne residente nella frazione di Acilia, era andata nella seconda casa dei nonni materni per passare qualche giorno lontano dalla capitale nel piccolo paese della Marsica che ospita poco più di 800 abitanti.

Sull’accaduto e’ stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo da parte della magistratura di Avezzano. Il fatto è avvenuto intorno alle 16, quando la famiglia, accompagnata dal cane, è uscita per fare una passeggiata: una volta entrati nel campo sportivo di proprietà del Comune, con il cancello aperto e senza una segnaletica di pericolo, la bimba e il cane si erano messi a giocare nei pressi della porta di calcio.

    Per cause ancora in corso di accertamento all’improvviso la struttura in ferro della porta ha ceduto, travolgendo la bambina, colpita gravemente alla testa. A dare l’allarme sono stati i genitori, facendo accorrere sul posto l’ambulanza del 118 di Carsoli, l’eliambulanza dall’Aquila, oltre ai volontari della Protezione civile e della Croce Rossa Italiana. I soccoritori hanno tentato a lungo di rianimare la piccola, ma la ferita al capo era troppo grave.

    Il luogo dell’incidente e’ stato posto sotto sequestro e il cancello del campo sportivo chiuso con un lucchetto. La procura di Avezzano sta indagando non solo per capire la dinamica dell’incidente, ma anche per fare chiarezza su alcuni aspetti della tragedia: il pm di turno, Elisabetta Labanti, dovrà in particolare verificare le cause del crollo della porta e le modalità di sicurezza della struttura.



    Torna alla Home

    telegram

    LIVE NEWS

    De Zerbi: “Il mio futuro? Non ho accordi con nessuno”. Spunta l’ipotesi Milan

    Roberto De Zerbi ha annunciato la sua decisione di lasciare il Brighton, spiegando ai microfoni di Sky Sports UK i motivi dietro questa scelta. "Non abbiamo trovato l’accordo giusto per andare avanti, per restare insieme. Il calcio è la mia vita e non posso cambiare la mia passione", ha...

    Juan Jesus torna sul caso Acerbi e si commuove: “Meglio pochi trofei ma essere d’esempio”

    Al centro sportivo Kodokan di Piazza Carlo III una squadra speciale ha catturato l'attenzione di tutti: bambini fuggiti dalle guerre e coetanei italiani uniti sul campo da calcio. Un ospite d'eccezione, il difensore del Napoli Juan Jesus, ha preso la parola in un momento di grande emozione. Juan Jesus, recentemente...

    CRONACA NAPOLI