. E’ stato arrestato nella notte dai carabinieri ad Avella, in provincia di Avellino, Santolo Sorriento, oggi 76enne, che il 2 gennaio del 2013 uccise a Benito Fusco Petrillo, 71 anni. I militari hanno eseguito il provvedimento emesso dall’Ufficio esecuzioni della Corte d’Appello di in seguito alla definitiva pronuncia di condanna della Corte di Cassazione.

Sorriento, che e’ stato trasferito nel di Avellino, dovra’ scontare una pena residua di sei anni e nove mesi di reclusione. All’origine dell’omicidio, decennali dissapori tra i due dovuti, secondo Sorriento, al mancato pagamento di lavori che sarebbero stati effettuati nell’abitazione della vittima negli anni successivi al terremoto del 1980.

LEGGI ANCHE  Due pasticceri di Napoli conquistano Iginio Massari: sono tra i finalisti del concorso Panettone Day
ADS

Sorriento attese Petrillo nei pressi della filiale di un istituto di credito di Baiano e lo colpi’ con dodici mentre stava effettuando una operazione al bancomat.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Branco di delfini avvistati dall’area marina protetta Punta Campanella

Notizia precedente

In casa con 10 kg di marijuana: 21enne arrestato ad Orta di Atella

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..