Abusi su un minore, arrestato sacerdote ad Avellino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Avellino.Atti sessuali su un minore di 14 anni. E’ questa l’accusa che ad Avellino ha portato in carcere un sacerdote, fondatore di una cooperativa sociale per l’assistenza alle persone, soprattutto giovani, con problemi di depressione e disturbi dell’alimentazione.

Il provvedimento è stato firmato dal Gip del Tribunale di Avellino su richiesta del Procuratore capo, Domenico Airoma. Le indagini, avviate dopo la denuncia presentata dal padre di un ragazzo di tredici anni, ospite della cooperativa da giugno a settembre scorsi, avrebbero accertato gli abusi.

Il sacerdote, don Livio Graziano, 50 anni, non e’ alle dipendenze della Diocesi di Avellino ma e’ incardinato in quella di Aversa. Dopo aver trascorso alcuni anni in ritiro spirituale presso il Santuario di Montevergine , don Livio apri’ ad Avellino un ufficio di consulenza nutrizionista e successivamente ha fondato la cooperativa sociale “Effata’, Apriti” con sedi in due comuni a pochi chilometri da Avellino.

    La sua permanenza nella Diocesi irpina, come ricordano le cronache, è stata “contestata” a più riprese dall’allora Vescovo di Avellino, monsignor Francesco Marino, originario di Caserta come il sacerdote arrestato. Per la sua “intensa attivita’ sociale e umanitaria” a don Livio e’ stato assegnato nel 2014 a Benevento il premio “Padre Pio da Pietrelcina”.

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Lumache giganti vive in valigia: sequestro in aeroporto a Napoli durante controllo a nigeriano

    Durante un controllo nell'aeroporto di Capodichino a Napoli, i funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno individuato un cittadino nigeriano proveniente dal Benin...

    Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

    Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE