Il campo nomadi di via Carrafiello a Giugliano, in provincia di NAPOLI, diventa una sorta di zona rossa su disposizione del governatore della Campania, Vincenzo De Luca.




, isolamento domiciliare con divieto di allontanamento, fino al prossimo 15 settembre, dalle abitazioni e stop agli ingressi e alle uscite dalla zona con presidio delle forze dell’ordine ai varchi di accesso.

Il campo nomadi di via Carrafiello a Giugliano, in provincia di NAPOLI, diventa una sorta di su disposizione del governatore della Campania, Vincenzo De Luca. La decisione dopo che lo scorso 31 agosto e’ stata rilevata la positivita’ al di un residente del campo dove sono insediati 70 nuclei familiari con un numero orientativo di 500 persone complessivamente “che vivono – e’ scritto nel provvedimento firmato da De Luca – stretti rapporti interpersonali in condizioni di precarieta’ igienico sanitaria”.

L’uomo e’ attualmente ricoverato nel reparto dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli “e’ non stato in grado di riferire in merito ai propri contatti stretti” mentre un suo familiare ha spiegato che “sono intercorsi rapporti stretti interpersonali tra il cittadino positivo e numerosi altri residenti del campo”.

Sono stati cosi’ sottoposti a tampone molecolare gli appartenenti al nucleo familiare dell’uomo risultato positivo e tutti sono risultati a loro volta positivi al virus. Di qui la necessita’ di “scongiurare il rischio di un’ampia e ingestibile diffusione del virus”.



Infortunio Meret, il Napoli corre ai ripari per riavere prima Ospina

Notizia precedente

Napoli, i ragazzi del progetto Piter visitano la mostra dedicata a Genny Cesarano

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..