Caserta, l’assassino del giovane pugile chiede scusa

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Sono dispiaciuto per quanto successo e chiedo scusa alla famiglia di Gennaro. Non avevo alcuna intenzione di ucciderlo”.

Con una breve dichiarazione spontanea, il 19enne G.I. – assistito dall’avvocato Fioravante De Rosa – ha sintetizzato il suo pensiero al Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nel corso dell’udienza per la convalida del fermo per l’omicidio del pugile 18enne Gennaro Leone, avvenuto a Caserta nella notte di sabato 29 agosto.

Il 19enne di Caivano che e’ accusato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, conosceva di vista la vittima, in quanto frequentavano lo stesso istituto superiore , ma tra i due – a quanto sembra – non c’erano mai stati problemi in precedenza. il giovane, gia’ domenica ai carabinieri, aveva ammesso di aver colpito Gennaro, anche se il coltello usato non e’ ancora stato ritrovato.

    [the_ad_group id=”289023″]

    [the_ad_group id=”289025″]

    Sulla dinamica comunque non sembrano esserci molti dubbi: una lite degenerata in accoltellamento, mentre resta ancora ignoto il movente della lite scoppiata tra i due ragazzi nel cuore della movida casertana.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Fiaccolata per Gennaro Leone, il pugile 18enne ucciso a Caserta

    Intanto oggi e’ stata effettuata l’autopsia sul corpo del 18enne Gennaro Leone, e i funerali dovrebbero tenersi Venerdì.






    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE