Strisce blu a Portici, in arrivo il salasso invernale. Caramiello (5S): “Il colpo di grazia al commercio”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Portici. Il Movimento 5 Stelle di Portici, guidato dal capogruppo Alessandro Caramiello, continua a puntare i fari sulla fallimentare gestione della sosta a pagamento nella città della Reggia.

Al seguito di un apposito controllo è emerso che a partire da questo inverno, la sosta a pagamento in città subirà un aumento delle tariffe. Nello specifico dal 1° gennaio al 30 novembre la tariffa minima per la sosta a pagamento sarà di 1 euro. Il Comune, in questo modo, ha eliminato la possibilità di parcheggiare per 30 minuti (frazione oraria) al costo di 50 cent.

Mentre dal 1° dicembre al 31 dicembre la sosta si pagherà anche di domenica senza alcun intervallo: “Un commerciante, un non residente, un avventore che vuole spendere a Portici nel mese di dicembre dovrà sborsare 11,00 euro al giorno. Un salasso che darà il colpo di grazia al commercio porticese e alle tasche dei cittadini – denuncia Alessandro Caramiello -. Basta passeggiare per vedere, purtroppo, quanti negozi sono già chiusi”.

    Prosegue Caramiello, denunciando la gestione fallimentare delle strisce gialle e blu sul territorio porticese: “Sarà tolta ai cittadini la possibilità di parcheggiare per trenta minuti, mentre per il mese di dicembre gli avventori non residenti dovranno parcheggiare giornalmente, incluso il sabato e la domenica, con una spesa pro-capite di 11 euro al giorno – ha ribadito – un avventore che dovrà spendere a Portici, ci penserà bene, considerando il caro prezzo per la sosta. Non conosciamo ancora l’aggio per il Comune che ha deciso di dare ancora una volta in affidamento a una ditta esterna il servizio, ma siamo certi che a pagarne le spese saranno sempre i cittadini”.

    Il Movimento 5 Stelle, prosegue, inoltre, la stesura di proposte alternative al modus operandi dell’attuale amministrazione comunale: “Riteniamo che sia indispensabile, a questo punto, una manovra di intervento per dare respiro ai cittadini – prosegue – come, ad esempio, l’internalizzazione del servizio in Leucopetra, partecipata al 99% di proprietà del Comune di Portici, assumendo tutti i dipendenti, oggi in forza alla ditta privata, eliminando così l’utile d’impresa.

    Necessaria la realizzazione di parcheggi d’interscambio e periferici, per i quali abbiamo già individuato diverse aree come il grande parcheggio di Via Farina e tante altre che vi illustreremo in seguito così da recuperare centinaia di posti auto. Inoltre, occorre prevedere abbonamenti annuali per i commercianti e residenti offrendo un servizio di trasporto ecosostenibile”.






    LEGGI ANCHE

    20 vittime della strada nell’ultimo fine settimana in Italia

    Il fine settimana che va dal 16 al 18 febbraio ha registrato 20 vittime sulle strade italiane a causa di incidenti, un numero identico...

    I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

    Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE