Giovane pugile ucciso a Caserta: fermato un 19enne di Caivano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Provvedimento di fermo con l’accusa di omicidio per un ragazzo di 19 anni di Caivano.

E’ lui che in una rissa avvenuta la notte scorsa a Caserta davanti a un bar ha accoltellato il 18enne Gennaro Leone di San Marco Evangelista, recidendogli l’arteria femorale e causandone la morte tre ore dopo all’ospedale di Caserta. Il 19enne e’ di Caivano, ed è incensurato.

gennaro leone

    La lite e’ nata per futili motivi, uno sguardo di troppo. Gli investigatori sono arrivati a lui grazie a delle testimonianze e ai video delle telecamere di sorveglianza. Il giovane, sotto choc, durante l’interrogatorio ha confessato. Dopo l’arresto, e’ stato trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

    “Che la terra ti sia lieve, piccolo Campione”. E’ il messaggio di condoglianze del mondo del pugilato per Gennaro Leone, 18 anni, morto nella notte all’ospedale di Caserta dopo essere stato accoltellato a una gamba da un coetaneo durante una lite.

    L’episodio si e’ verificato intorno alla mezzanotte nel pieno centro della citta’ campana, in piazza Correra, ma la vittima e’ deceduta tre ore dopo in ospedale per arresto cardiocircolatorio provocato dalla perdita eccessiva di sangue. Con un tweet della federazione, il mondo pugilistico “Nazionale si stringe attorno alla famiglia Leone alla ASD Energy Boxe Caserta per la scomparsa di Gennaro”, nel giro delle giovanili della Nazionale azzurra di pugilato. “Riposa in pace, Campione”.

    Dopo la tragedia avvenuta nella notte, con il 18enne Gennaro Leone morto a Caserta dopo essere stato accoltellato durante una lite con un coetaneo, il prefetto di Caserta Raffaele Ruberto ha convocato per domani mattina alle 11 un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica sulla movida violenta. Nelle scorse settimane sono avvenute diverse risse nel centro di Caserta con giovani ragazzi feriti, tanto che il sindaco Carlo Marino aveva emesso un’ordinanza anti-alcol, che non ha pero’ sortito l’effetto sperato.

    [the_ad_group id=”289023″]

    [the_ad_group id=”289025″]

    Sulla vicenda e’ intanto intervenuto il tenente-colonnello Gianfranco Paglia, secondo cui “il modello Caserta e’ inesistente”.

    gennaro leone

    “Un tempo in Italia – dice Paglia, ex parlamentare e Medaglia d’Oro al Valor Militare – quando si parlava di sicurezza si prendeva come esempio il ‘modello Caserta’ per dimostrare a tutti che bastava dare alle istituzioni la possibilita’ di lavorare fornendo loro uomini e mezzi; purtroppo quel modello e’ stato dimenticato in fretta, di chi e’ la colpa non mi interessa, ma voglio solo ricordare a tutti che Caserta non puo’ essere lasciata sola. Le amministrazioni di oggi e di domani – continua – dovranno imporsi con coraggio, e le Forze dell’Ordine necessitano del supporto dello Stato.

    Caserta, viste le tante caserme ubicate, puo’ essere considerata una ‘citta’ militare’, ed e’ per questo che non capisco perche’ invece di rendere Caserta una citta’ sicura utilizzando i nostri militari si pensa ad inviarli altrove per rendere sicure altre realta’. Cio’ non vuol dire che si vuole militarizzare Caserta, semplicemente la si vuole rendere sicura per i nostri figli” conclude Paglia.






    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

    Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE