broker



Broker” è una di quelle parole spesso usate a sproposito e senza conoscerne il vero significato.

Oggi vedremo cosa c’è da sapere per comprendere le differenze tra i broker ed eventualmente scegliere quello giusto.

Il termine “broker” si riferisce alla figura di un intermediario tra acquirenti e venditori.

Questo è applicabile a tutti i tipi di campi e settori come l’assicurazione, l’immobiliare, ecc.

In questo articolo ci concentreremo a spiegare cos’è un broker finanziario e a cosa serve.

Poi vedremo quali tipi di broker esistono e le principali differenze con altri termini correlati come trader o dealer, che a volte causano una certa confusione.

Veniamo al punto:

Ecco la definizione di Broker

Un broker è un agente o una società che si occupa di eseguire l’acquisto o la vendita di strumenti finanziari richiesti dai suoi clienti.

La sua funzione principale è quella di fungere da intermediario tra i suoi clienti e il mercato, trovando un venditore quando il suo cliente gli dà un ordine di acquisto o un compratore quando il suo cliente gli dà un ordine di vendita.

Ogni broker offrirà ai suoi clienti una serie di strumenti finanziari su cui possono fare trading, per esempio valute, azioni, indici azionari, materie prime, metalli preziosi, energie, ecc.

Per operare come broker serve essere autorizzati dagli enti preposti in ogni paese dove si vuole operare, è necessario rispettare le norme vigenti che regolano i mercati finanziari e anche essere supervisionati dagli organi di regolamentazione competenti.

Attenzione a quest’ultimo punto prima di scegliere una piattaforma di trading, perchè i migliori broker italiani sono autorizzati e hanno sedi e uffici in Italia.   L’elenco ufifciale dei broker autorizzati che fanno da sostituto d’imposta è pubblicato sul sito della Consob.

Fino a pochi anni fa, un investitore privato poteva accedere ai mercati finanziari solo attraverso le grandi banche o alcune istituzioni finanziarie.

Oggi, con l’avanzare delle nuove tecnologie e di Internet, i broker online sono emersi e hanno rivoluzionato il settore, popolarizzando e soprattutto democratizzando l’investimento.

Questa democratizzazione permette a chiunque di operare da qualsiasi luogo semplicemente con un computer o uno smartphone e una connessione Internet.

Tutto questo con commissioni che sono notevolmente inferiori a quelle delle banche tradizionali.

Differenza tra Broker e Trader

Un trader è colui che compra e vende strumenti finanziari per conto proprio. Il trader è l’investitore e ha bisogno della figura del broker (l’intermediario con il mercato) per eseguire le operazioni di acquisto e vendita richieste. Pertanto, tutti i trader devono aprire un conto con uno o più broker, che è incaricato di eseguire le operazioni.

Ci sono diversi tipi di trader a seconda delle loro strategie di trading e del periodo in cui di solito tengono aperte le loro operazioni.

  • gli scalper (che fanno trading in tempi molto brevi di minuti o addirittura secondi)
  • i daytrader (che aprono e chiudono le loro operazioni nello stesso giorno)
  • gli swingtrader (che tengono le loro operazioni aperte per giorni o addirittura settimane)
  • i trader che fanno trading a lungo termine per mesi o addirittura anni
LEGGI ANCHE  M5S: “Pronto soccorso al Policlinico, risultato dopo 5 anni di nostre battaglie”

Differenza tra Broker e Dealer

Come menzionato sopra, un broker agisce come un intermediario ed esegue le transazioni per conto di una terza parte.

Un dealer, d’altra parte, compra e vende strumenti finanziari per conto proprio per se stesso o in alcuni casi per i propri clienti.

Tipi di Broker

Ci sono 2 tipi principali di broker secondo il modo in cui eseguono gli ordini dei loro clienti:

1- Dealing Desk Brokers

Questi sono broker che hanno un “Dealing Desk”.

Questo significa che le transazioni dei loro clienti non vanno effettivamente sul mercato, ma vengono eseguite sul dealing desk del broker.

Questo tipo di broker crea un mercato interno per i suoi clienti e cerca la controparte di ogni trade all’interno dei trade dei suoi altri clienti.

Se non la trovano, agiscono loro stessi come controparte del trade, garantendo liquidità e disponibilità permanente, anche se quel trade significa un profitto o una perdita per loro.

2- Broker non Dealing Desk

I broker NDD (Non Dealing Desk) non hanno un “money desk” e sono solo responsabili dell’invio delle transazioni al mercato.

Sono collegati a fornitori di liquidità (di solito grandi banche e istituzioni finanziarie) che agiscono come controparti di ogni scambio.

Come scegliere il broker giusto?

Ci sono diversi fattori da prendere in considerazione quando si sceglie un broker: l’affidabilità del broker, la regolamentazione a cui è soggetto, il deposito minimo per aprire un conto, la leva disponibile, gli strumenti finanziari che offre, le commissioni che applica.

 COME SCEGLIERE IL MIGLIOR BROKER IN ITALIA?

Esiste anche un meccanismo molto utile per imparare a investire e testare i servizi di un broker online senza dover mettere a rischio i propri soldi:

Conti trading demo

Questi sono conti che sono molto simili a un conto di trading reale, ma sono precaricati con un saldo virtuale.

I risultati dei tuoi trade aumenteranno o diminuiranno il tuo saldo virtuale e anche se non sarai in grado di trarre profitto al di là dell’apprendimento.

Ti permettono di imparare a fare trading o test senza dover depositare i tuoi fondi prima di iniziare a fare trading su un conto live.

Ecco la definizione di broker e gli strumenti per scegliere una buona piattaforma di trading.


Google News

Oroscopo oggi la giornata segno per segno

Notizia precedente

Infermiere del Cotugno muore di covid in Sardegna

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..