Caserta, ruba moto e la mette in vendita su Facebook: arrestato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. La polizia stradale di Cellole ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare di arresti domiciliari, emessa dal Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di C. G., che deve rispondere di ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e minaccia aggravata.

Le indagini hanno avuto inizio in seguito ad una denuncia di furto di un motociclo il 22 agosto 2020 a Sperlonga, presentata presso il distaccamento della polizia stradale di Cellole. Scoperta una banda operante tra Mondragone e Castel Volturno dedita ai furti di veicoli e motoveicoli, nonché alla ricettazione e al riciclaggio degli stessi.

La vittima del furto, attraverso i social, scopre l’autore del colpo che vende la sua moto, rubata poco prima, e manda ad un incontro il genero. L’indagato dice che l’affare si sarebbe dovuto concludere al più presto e si presenta come “n’omm e miezz a via”, puntualizzando di essere uscito da poco dal carcere, anche per intimidire l’acquirente. E che non avrebbe avuto alcun problema a rintracciarsi lui e la sua famiglia in caso di ‘sgarro’.

    A tal punto la trattativa si concludeva con l’intesa che l’acquirente avrebbe noleggiato un furgone per prelevare la moto in quanto la stessa non poteva circolare perché priva di targa. Tale furgone veniva monitorato dal personale della polizia stradale di Cellole fino alla localizzazione del sito dove si trovava il motociclo. Al momento dello ‘scambio’ concordato gli operatori della polizia stradale intervenivano prontamente ma subivano l’aggressione del malfattore e di un nutrito gruppo di abitanti della zona che con bastoni e mazze si opponevano al fermo dell’indagato.
    Il pregiudicato veniva comunque bloccato e identificato fino all’attuale arresto.






    LEGGI ANCHE

    Inaugurato il nuovo anno accademico della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio della Federi...

    Nuovo Anno Accademico della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio dell’Università Federico II La cerimonia inaugurale del nuovo anno accademico della...

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Voragine a Napoli: Manfredi e Cosenza puntano il dito sulla mancata manutenzione

    "Il sistema fognario non è stato oggetto di manutenzione per moltissimi anni e questi eventi sono anche la conseguenza di questo". Il sindaco di Napoli,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE