della gatta presidente ance campania

Luigi Della Gatta presidente Ance Campania: “In Campania è previsto un aumento dell’8,5% degli investimenti nell’edilizia, ma ancora insufficiente a recuperare i livelli pre-Covid”

Della Gatta presidente Ance Campania, succede a Gennaro vitale che ha retto la rappresentanza regionale dal 2015

Luigi Della Gatta, 41 anni, imprenditore edile casertano, già presidente dei costruttori di Terra di Lavoro, è il nuovo presidente dell’Ance Campania.

L’assemblea dell’associazione regionale dei costruttori, riunita presso la sede dell’Unione degli Industriali di Caserta, ha eletto all’unanimità il successore di Gennaro Vitale, napoletano, che ha retto la rappresentanza regionale dal 2015.

Nel corso del lavori sono stati resi noti i dati del comparto regionale che ha registrato un calo degli investimenti nel 2020 del 9,5% e meno 9,7% di ore lavorate e con meno 27% di compravendite nel mercato immobiliare. “Con oltre 30mila imprese edili, il comparto delle costruzioni rappresenta la spina dorsale dell’economia campana – ha dichiarato Della Gatta – e dopo un calo superiore a quello del dopoguerra, i segnali per fine 2021 sono moderatamente incoraggianti.

In Campania è previsto, secondo i dati elaborati dal nostro centro studi, un aumento dell’8,5% degli investimenti nell’edilizia, ma ancora insufficiente a recuperare i livelli pre-Covid.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Continua a salire il contagio covid in Campania

Saremo impegnati in prima linea per rafforzare il ruolo di rappresentanza del sistema regionale delle costruzioni e punteremo sulla immediata modifica delle leggi regionali vigenti sui temi chiave dell’aumento delle materie prime, dell’estensione del Superbonus e soprattutto sulle semplificazioni necessarie per dare uno spinta decisiva alle nuove opere in ottica Recovery fund”.

Al centro dei lavori dell’assemblea anche la necessità di confermare il bonus occupazione fino al 2029 e di spingere sul Superbonus 110% “che può dare grande impulso al settore delle riqualificazione e della messa in sicurezza degli edifici, creando migliaia di posti di lavoro”.

Sul fronte dell’edilizia residenziale è stato evidenziato che, a partire dal trimestre estivo, si osserva un’inversione di tendenza con un aumento delle transazioni abitative del 9,4%. Ma è il settore delle opere pubbliche a registrare il calo maggiore, dopo il biennio 2018-2019 in recupero nella nostra regione rispetto al minimo storico fatto registrare nel 2017 della domanda di lavori pubblici in Campania. Nel 2020, infatti, la flessione è stata del 10,4%.

LEGGI ANCHE  Napoli, in auto con 8 panetti di hashish 'Made in Amsterdam': arrestato

“Per attivare la ripartenza servono certezze sulla durata dei benefici, a partire dal Superbonus inteso come strumento di sviluppo, di ammodernamento e di messa in sicurezza del territorio – ha sottolineato Della Gatta – ma soprattutto serve l’impegno di tutti nel migliorare la burocrazia regionale attesa alla grande prova della programmazione e della spesa delle risorse europee di Next Generation Eu.

Noi come rappresentanza dei costruttori chiederemo con forza di accelerare questi processi, e siamo già impegnati a tutto campo nella sfida già in atto di accrescere il potenziale produttivo della Campania. E lo faremo attraverso l’azione propulsiva dell’Associazione regionale dei Costruttori, da sempre protagonista dello sviluppo duraturo del nostro territorio regionale”.


Di Chiara Carlino

Ti potrebbe interessare..