Seguici sui Social

e-News

Come scegliere i migliori prodotti professionali per la pulizia dell’auto

.


PUBBLICITA

Pubblicato

il

pulizia auto

La pulizia accurata dell’auto richiede precisione, attenzione e regolarità: infatti, per mantenere ottime condizioni igieniche e preservare l’auto dall’usura, è bene provvedere frequentemente ad un’igiene totale, sia delle parti esterne che degli interni.

 

É molto importante, per garantire l’igiene perfetta dell’auto, scegliere prodotti di ottima qualità, professionali ed affidabili, che permettano di ottenere il massimo risultato preservando al contempo sia la superficie esterna che l’abitacolo dalla polvere e dall’umidità. Durante le operazioni di igiene dell’auto, è bene prestare attenzione a pulire in profondità anche pneumatici e cerchi, utilizzando sempre prodotti efficaci.

 

Un riguardo particolare meritano gli interni dell’auto, che spesso sono realizzati con materiali delicati, come pelle o tessuto, e necessitano dell’uso di prodotti specifici. In ogni caso, si raccomanda sempre di scegliere il prodotto ideale per ogni diversa parte dell’auto, non solo per ottenere il massimo risultato, ma anche per preservarne l’integrità e le perfette condizioni.

 

Per acquistare i migliori prodotti professionali per la pulizia dell’auto, puliveneta.com è la soluzione ideale, grazie ad un assortimento ampio e completo di materiali e prodotti della migliore qualità, proposti spesso a prezzi scontati. Si raccomanda, per la pulizia dell’auto, di evitare l’uso di prodotti generici o non corretti, in quanto, oltre a non offrire risultati apprezzabili, potrebbero danneggiare alcuni materiali particolarmente sensibili, come i rivestimenti dei sedili o la moquette.

Pulire con cura i cerchi e le ruote dell’auto

Quando si sottopone la propria auto ad un lavaggio completo, è importante occuparsi anche di cerchi, pneumatici e tutta la struttura delle ruote. Per pulire con cura queste parti dell’auto, è importante scegliere un prodotto specifico, che, oltre a rispettare il materiale, soprattutto se il veicolo monta cerchi in lega, permetta di rimuovere i depositi di polvere e di grasso.

La soluzione migliore è quella di utilizzare un prodotto spray in schiuma, da spruzzare direttamente sui cerchi e sulle gomme e da lasciare agire per un certo tempo, per poi rimuoverlo con un getto d’acqua o con una spugna. I prodotti per cerchi e ruote ovviamente non devono mai essere utilizzati sulla carrozzeria o sulle parti interne dell’auto.

LEGGI ANCHE  Cavaleri (Ema): 'Meglio vietare AstraZeneca a tutti

In commercio sono disponibile anche prodotti specifici sia per pulire le gomme che per ravvivarne la colorazione nera.

Prodotti per la pulizia e l’igienizzazione dell’abitacolo dell’auto

L’interno dell’auto, come abbiamo detto, richiede cura e attenzione in quanto sono presenti materiali piuttosto delicati, quali possono essere moquette, rivestimenti in tessuto, pelle, materiale plastico, metallo e così via. È molto importante anche utilizzare un panno apposito, che non graffi le superfici e, al contempo, sia in grado di rimuovere la polvere.

Sono disponibili prodotti appositi per la pulizia a secco dei rivestimenti tessili e spray che consentono di rimuovere polvere e macchie dalle superfici plastiche senza danneggiarle e proteggendole a lungo.

Lucidare la carrozzeria con prodotti professionali

Anche la carrozzeria, gli accessori metallici e i vetri dell’auto richiedono la massima cura e attenzione per quanto riguarda la pulizia. È infatti molto importante scegliere prodotti detergenti appositi che rimuovano depositi di polvere, terriccio e incrostazioni senza effetti abrasivi.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

e-News

Che cos’è la “Received pronunciation”? Le cose da sapere

Pubblicato

il

Received pronunciation

Nella lingua inglese, così come in italiano, esistono più modi per pronunciare frasi e parole. Accanto infatti a quella che viene definita “Received pronunciation” troviamo altre forme più colloquiali, meno accademiche, che possono presentare delle differenze anche molto importanti. È per questo motivo che sono in molti coloro che arrivano oltre Manica convinti di conoscere benissimo la lingua ma che rimangono basiti nel momento in cui si trovano a parlare con qualcuno del posto. Spesso e volentieri infatti capita di comprendere poco e nulla e ciò è dovuto al fatto che ad uno studente italiano viene insegnata la received pronunciation. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, quando è il caso di utilizzare tale pronuncia accademica e in quali casi invece può rivelarsi più utile seguire lezioni di inglese online con un madrelingua prima di partire.

Received pronunciation: cos’è

Quando si parla di received pronunciation si fa riferimento alla pronuncia accademica della lingua inglese: quella ufficiale, che viene insegnata a scuola e all’università. Possiamo paragonarla alla corretta dizione italiana, contrapposta alle numerosi inflessioni dialettali che caratterizzano ogni regione del nostro Paese. Conoscere la received pronunciation è dunque sicuramente importante per chiunque studi la lingua, perché sostanzialmente è la pronuncia più corretta.

D’altronde, se facciamo riferimento al vocabolario inglese la fonetica indicata per ogni parola fa riferimento proprio alla received pronunciation. Come però abbiamo accennato, limitarsi a conoscere questa pronuncia può rivelarsi controproducente, soprattutto se si intende trasferirsi nel Regno Unito.

Quando è importante la received pronunciation

Prendendo dei casi concreti, è importante conoscere la received pronunciation soprattutto in determinati contesti. Possiamo infatti considerare questa pronuncia non solo quella ufficiale ma anche quella tipica dei ceti medio-alti, degli uomini d’affari e di grande cultura e in generale dei più abbienti. Viene dunque da sé che chi intende trasferirsi a Londra per lavorare in una multinazionale molto famosa ed occupare una posizione di rilievo, farebbe bene a concentrarsi sulla received pronunciation. Lo stesso discorso vale per i ragazzi che vogliono iscriversi ad una delle note università del Regno Unito come Oxford e Cambridge, dove questa è la pronuncia per eccellenza e sfoderarla permette di fare una bella figura sin da subito.

Non solo: chiunque abbia intenzione di ottenere una certificazione di lingua inglese come il TOEFL, il Cambridge Assessment English o lo IELTS non può permettersi di sottovalutare l’importanza della received pronunciation. Per superare l’esame è infatti indispensabile dimostrare di conoscere la corretta dizione, quella ufficiale.

LEGGI ANCHE  Continua l'aumento del contagio in Campania con 3860 positivi, i morti sono 3

Insomma: la received pronunciation è importante in molti contesti ma in modo particolare nei più prestigiosi, quando dimostrare una corretta dizione può fare la differenza.

Perchè conoscere la received pronunciation non basta

Conoscere solo la received pronunciation però può rivelarsi alquanto limitante, perché come abbiamo accennato questa è la pronuncia dei ceti medio-alti e viene percepita dagli inglesi come snob, spocchiosa. Quando ci si trova in situazioni di vita informali non conviene sfoderare una dizione impeccabile perché si rischia di apparire arroganti.

Lo stesso discorso vale per coloro che intendono lavorare nel Regno Unito ma svolgere mansioni semplici, come il lavapiatti, il cameriere, il commesso e via dicendo.

Il vero problema però non sta solo nell’apparenza e nell’immagine di sé che viene percepita dai propri interlocutori, quanto l’effettiva efficacia della comunicazione. Se qualcuno ci parla con un accento colloquiale, che non ha nulla a che fare con la received pronunciation, rischiamo di capire davvero poco di quello che ci viene detto. Questo è un limite da non sottovalutare.

Received pronunciation e dialetti locali: le differenze

Le differenze tra la received pronunciation ed i vari dialetti o cadenze locali possono essere molto importanti, proprio come avviene nella nostra lingua italiana. Bisogna però specificare che la received pronunciation, per quanto sia considerata la pronuncia ufficiale britannica, non si può paragonare alla dizione italiana in tutto e per tutto. Nonostante gli accenti possano essere differenti, nella nostra lingua le parole rimangono pressoché invariate mentre in inglese riuscire a comprenderle se non si è dei madrelingua è davvero molto difficile a volte.

Come imparare la pronuncia colloquiale

La received pronunciation viene insegnata in tutte le scuole perché come abbiamo detto è quella di riferimento, ufficiale, che si trova anche nel vocabolario inglese. Come fare ad imparare anche la pronuncia alternativa a questa, ossia quella più colloquiale utilizzata di frequente dalle persone che vivono nel Regno Unito? La cosa migliore è seguire delle lezioni di inglese mirate, tenute rigorosamente da un madrelingua che sia in grado di dare delle indicazioni chiare e precise sul modo di parlare reale degli inglesi.

Non è semplice, una volta che il proprio orecchio si è abituato alla received pronunciation, imparare delle pronunce alternative a questa. Bisogna fare molta pratica ed è per questo che è fondamentale scegliere un docente madrelingua, anche perché non è detto che un insegnante italiano di inglese conosca la pronuncia colloquiale!

Continua a leggere
longobardi logo

Le Notizie più lette