‘A mano ’e D10S’. il nuovo singolo dei Foja feat. Alejandro Romero

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il tributo a Diego Armando Maradona nel giorno del 35esimo anno del goal di mano all’Inghilterra che divenne leggenda

Martedì 22 giugno, a trentacinque anni esatti dal famoso goal di Maradona alla nazionale inglese durante i Mondiali del Messico i Foja pubblicheranno “’A mano ’e D10S”, versione in napoletano di “(INRI) La mano de Dios” canzone scritta da Alejandro Romero, portata al successo mondiale da Rodrigo e inserita in “Maradona di Kusturica”, il documentario dedicato dal regista serbo a Diego Armando Maradona nel 2008.

La canzone si avvale dell’impagabile featuring dello stesso Romero che canta, insieme a Dario Sansone, una strofa del brano, ed è impreziosita dal contributo artistico dei musicisti argentini Ernesto Nicolás Enrich al bandoneón e Juan José Martinez alle percussioni

Il 22 giugno del 1986 Diego Armando Maradona passa alla storia due volte nella stessa giornata, segnando due goal all’Inghilterra in una partita che andava molto al di là del significato calcistico. Una delle due reti arriva al termine di un’azione nella quale il campione argentino parte da centrocampo, dribbla cinque avversari e segna quello che nel 2002 verrà votato come il “Goal del secolo”. Pochi minuti prima però, la prima rete segnata avviene con “L’aiuto di Dio”, anzi, come ebbe a dire lui stesso: “Un poco con la cabeza de Maradona y otro poco con La mano de Dios” che spinge la palla alle spalle del portiere inglese.

    Quella partita, oltre a spianare la strada alla vittoria dei mondiali messicani da parte dell’Argentina che sarebbe avvenuta pochi giorni dopo, ebbe anche un forte significato politico. Dopo la sconfitta militare inflitta agli argentini proprio dagli inglesi nella guerra delle Falkland – in piena era Thatcheriana – la vittoria su un altro campo, quello di calcio, da parte della nazionale sudamericana trascinata da un Maradona al massimo del suo splendore agonistico, segna una rivincita morale immensa per il paese.

    La Mano de Dios
    Maradona, La mano de Dios

    Maradona è stato anche ed è, tuttora, Napoli. Il rapporto tra il campione e la città non si è mai interrotto. La sua prematura e improvvisa scomparsa ha pietrificato i volti, fissato per sempre il ricordo.

    Poche settimane dopo la sua scomparsa, Dario Sansone, leader dei Foja, sull’onda emotiva decide di scrivere una versione in napoletano della canzone. Il brano è suonato dal vivo nel corso di una trasmissione in una tv molto seguita in Campania, Canale 21, la notte di Capodanno 2021; è presente anche un commosso Diego Jr. Il riscontro è immediato e potente.

    I risultati e l’emozione suscitata spingono la band a cercare un ponte per contattare l’autore originale, e proporgli una partecipazione all’incisione. Nasce così la versione ufficiale de “’A mano ’e D10S” feat. Alejandro Romero.

    Parallelamente si fa strada l’esigenza di dare un destino diverso all’intera operazione. Maradona veniva dal popolo, dalla povertà estrema. Si era riscattato, e aveva preso in mano il proprio destino.

    Da qui la scelta di contattare l’Istituto Penale Minorile di Nisida, proponendo di destinare gli utili della vendita del brano, del vinile e del merchandising a esso collegato, all’acquisto di attrezzature sportive, completini, palloni, porte per il campo di calcio. In aggiunta anche apparecchiature e strumenti musicali, ad uso dei ragazzi ospiti dell’Istituto, oltre al desiderio di assistere e sostenere i percorsi di educazione alla musica promossi nel progetto trattamentale dell’I.P.M. di Nisida.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ‘Kiki’ è il nuovo singolo di Giaco, l’artista più R’n’b della scena italiana

    La vendita in pre-ordine partirà esattamente dal 22 giugno. I prodotti – vinile azzurro in 500 pezzi a tiratura limitata e T-shirt bianca e azzurra saranno acquistabili solo online su un sito dedicato. L’iniziativa durerà fino a settembre, quando i Foja fisicamente si recheranno all’Istituto a consegnare i materiali acquistati, pubblicando tutti i dati dell’operazione.



    Torna alla Home

    telegram

    LIVE NEWS

    L’ex capitano inglese Butcher: “Compro il Pallone d’Oro di Maradona per distruggerlo”

    Terry Butcher, ex capitano della nazionale inglese, ha recentemente suscitato scalpore con una dichiarazione provocatoria riguardante il Pallone d'Oro assegnato a Diego Armando Maradona nel 1986. Butcher, oggi 65enne, è uno dei giocatori inglesi che furono dribblati da Maradona durante il celebre "Gol del Secolo" nei Mondiali di Messico...

    Malagò: “Vicenda Inter? Sono i rischi dei fondi. Ma per il tifoso cambia poco…”

    Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha commentato la delicata situazione finanziaria dell'Inter durante un'intervista a 'Radio Anch'io Sport' su Rai Radio 1. "Per il grande pubblico è paradossale, il tifoso si chiede 'ma che sta succedendo?'. Si legge che ci sono serissimi problemi a rimborsare questo tipo di...

    CRONACA NAPOLI