HomeCulturaNapoli reale. Alla ricerca del 'tesoro' di San Lorenzo

Napoli reale. Alla ricerca del ‘tesoro’ di San Lorenzo

NarteA torna al Complesso di San Lorenzo Maggiore con un’iniziativa rivolta alle famiglie
google news
napoli reale 1
Napoli reale_foto comunicato stampa

Napoli reale. Alla ricerca del “tesoro” di San Lorenzo. NarteA torna al Complesso di San Lorenzo Maggiore con un’iniziativa rivolta alle famiglie

Sabato 12 giugno ore 17.00 e domenica 13 giugno alle ore 11.00, NarteA torna al Complesso di San Lorenzo Maggiore con un’iniziativa rivolta alle famiglie, Napoli reale. Alla ricerca del “tesoro” di San Lorenzo. Un’avvincente visita guidata con caccia al tesoro, per recuperare nel cuore dell’antica Neapolis, gli stemmi dei sedili nobiliari, quelle istituzioni governative che dal XIII al XIX secolo si riunirono proprio nel Complesso monumentale del centro storico di Napoli.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Scafati, Fiorenza Calogero in ‘NapulAnnúra’

Per partecipare è necessaria la prenotazione ai numeri 339 7020849 o 333 3152415. Costo del biglietto 12 euro (adulti), 8 euro (bambini); nel costo del biglietto è compreso il ticket d’ingresso al Complesso di San Lorenzo Maggiore. L’evento è consigliato per bambini dai 6 ai 13 anni.

Fin dai tempi più antichi, la città di Napoli ha ospitato la nobiltà più colta e più ricca d’Europa, famiglie di origine locale o forestiera si organizzarono in aree specifiche della città, costituendo i celebri sedili nobiliari, ognuno caratterizzato da un proprio stemma. Gli esponenti dei sedili, gli Eletti, erano soliti riunirsi all’interno del complesso religioso di San Lorenzo Maggiore. In poco tempo, assunsero sempre più potere, fino a rappresentare un serio pericolo per i sovrani che governavano la città. Fu così che con ogni mezzo si cercò di indebolirli, fino al 1800, quando Re Ferdinando IV di Borbone li abolì.

complesso san lorenzo maggiore 1
Complesso San Lorenzo Maggiore

NarteA propone un evento per grandi e bambini, per recuperare e tener viva la storia della Napoli antica. Poco prima di essere arrestati e chiusi nelle segrete di Castelnuovo, i nobili napoletani nascosero all’interno del complesso di San Lorenzo Maggiore il loro tesoro più prezioso, gli stemmi dei loro sedili. Grazie a una serie di indizi nascosti negli spazi dell’antico monastero, spirito di collaborazione e capacità di osservazione, donne, uomini e bambini di oggi potranno evitare il pericolo che le tracce di questa antica nobiltà vengano cancellate per sempre.

Regina Ada Scarico
Regina Ada Scaricohttps://www.cronachedellacampania.it
Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Napoli, somministra bevande alcoliche a due minori. Minimarket chiuso per 10 giorni.

Napoli. Somministra bevande alcoliche a due minori. Minimarket del Centro Storico chiuso per 10 giorni. Il Questore di Napoli, su proposta della Polizia Municipale -...

Superenalotto, il jackpot sempre su: ora a 231,8milioni di euro. TUTTE LE QUOTE

Nessun '6' né '5+1' al concorso di oggi del Superenalotto. Sono stati realizzati venti '5' che vincono 11.141 euro ciascuno. Il jackpot a disposizione...

Sorrento, i sindaci della Costiera: “C’è boom ma addio vivibilità”

Sorrento. Ville in fitto a 50mila euro a settimana. A Capri e' normale, i vip possono pagare, ma una coppia di giovani dell'isola che...

Cameriera chiede la paga, picchiata dai datori di lavoro: li denuncia

Donna picchiata dai datori di lavoro sol perché aveva "osato" chiedere la paga che le spettava e che non aveva ancora avuto. E dopo dopo...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita