Napoli Galleria Vittoria: ennesimo bluff dell’amministrazione

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli Galleria Vittoria: ennesimo bluff dell’amministrazione

Sembrava tutto fatto per la Galleria Vittoria, i lavori di ripristino per poterla finalmente riaprire al traffico sembravano dovessero partire da un momento all’altro, come annunciato dall’amministrazione cittadina, ed invece ecco che arriva l’ennesimo stop.

Come racconta Il Mattino, dei 120 giorni concessi dalla Procura di Napoli per eseguire i lavori della Galleria Vittoria ne sono già trascorsi circa 80 e dei lavori neanche l’ombra nonostante si è entrati nella settimana decisiva per la firma della convenzione tra Anas, Rfi e Comune di Napoli. La convenzione non è stata ancora siglata e senza quel documento all’Anas non sarà possibile visionare il progetto, rendersi conto degli interventi da compiere e affidare i lavori ad una ditta che dovrà materialmente compierli.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Flash-mob Europa Verde per protestare contro la situazione della Galleria della Vittoria

    “Dopo tanti proclami da parte l’amministrazione, soprattutto l’ultimo dove si è sventolata la bandiera della vittoria, la galleria è resta chiusa, è così da 9 mesi, e i lavori appaiono sempre più un lontano miraggio. Siamo agli sgoccioli del tempo concesso dalla Procura eppure si continua ad insistere in questi percorsi burocratici tortuosi e misteriosi e in un immobilismo a dir poco incomprensibile.

    galleria vittoria 2
    galleria vittoria 2

    Siamo pronti ad occupare simbolicamente la galleria che deve essere restituita nel più breve tempo possibile alla cittadinanza che è delusa e stanca. E’ tempo che la gestione di questa vicenda venga affidata ad un Commissario ad acta e a tecnici competenti.” –hanno dichiarato il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli ed i consiglieri municipali dei Verdi Benedetta Sciannimanica e Gianni Caselli.






    LEGGI ANCHE

    Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

    È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

    Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE