Covid: inaugurato il laboratorio di ricerca dell’Istituto Pascale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Covid: inaugurato il laboratorio di ricerca dell’Istituto Pascale

Inaugurato il cantiere della nuova Cittadella della Scienza nel Crom di Mercogliano. Paolo Ascierto ha dato ufficialmente il via ai lavori per la realizzazione di un laboratorio dedicato ad attivita’ di ricerca necessarie per approfondire il profilo genetico e immunitario dell’infezione da Covid.

Il progetto, promosso dall’Istituto dei tumori di Napoli e dal costo di quattrocentomila euro, e’ interamente finanziato dalla Fondazione Nicola Irti per le opere di carita’ e di cultura. Nel nuovo laboratorio gli studi verranno seguiti dal gruppo di lavoro di Paolo Ascierto, l’oncologo ricercatore che ha avuto un ruolo fondamentale nella cura del Covid 19. Sua e’ l’intuizione di adottare come terapia, nei casi meno gravi, il Tocilizumab, il farmaco antiartrite rivelatosi efficace nella polmonite interstiziale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, all’Istituto Pascale la sperimentazione del nuovo vaccino italiano

    Dopo piu’ di un anno dall’inizio della pandemia e dopo aver contribuito agli studi sul vaccino, il Pascale apre dunque, ora, i nuovi laboratori. “Il coronavirus Sars Cov-2 – dice Ascierto – e’ un virus che accumula nel suo genoma molte mutazioni. Il sequenziamento del virus permette di monitorare la sua evoluzione e la comparsa nella popolazione di varianti con diversa patogenicita’ e infettivita’.

    pascale

    Il gruppo di ricercatori studiera’ nei nuovi laboratori queste sequenze che verranno depositate in database pubblici. Verranno, inoltre, studiati gli effetti dell’infezione da coronavirus sul sistema immunitario. I nuovi laboratori si integreranno con i centri di ricerca i gia’ attivi e guidati dai dottori Normanno, Budillon e Buonaguro dove gia’ sono stati ottenuti importanti risultati nel campo della ricerca oncologica e sui sequenziamenti del Covid”.






    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero: aperta un’inchiesta

    Sarà l'inchiesta della magistratura ad eccertare le cause ed eventuali responsabilità sulla voragine che questa mattina, in via Morghen al Vomero, si è aperta...

    Strage di Altavilla: movente economico di coppia di complici nella villetta degli orrori

    La strage avvenuta a Altavilla Milicia, in provincia di Palermo, dove sono state uccise Antonella Salamone e i figli Kevin ed Emanuel, è stata...

    Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

    Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE