Napoli, controlli nella Movida a Bagnoli: due locali chiusi

Nel corso dell’attività sono state identificate 45 persone e controllati 13 veicoli

google news
napoli furto corso umberto
foto di repertorio

Napoli, controlli nella Movida a Bagnoli: due locali chiusi

Ieri notte gli agenti del Commissariato Bagnoli e i militari dell’Arma dei Carabinieri hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nelle aree interessate dalla “movida” in via Coroglio, via Cattolica, via Nisida e via Nuova Bagnoli.

Nel corso dell’attività sono state identificate 45 persone e controllati 13 veicoli, di cui uno sottoposto a sequestro amministrativo per mancata copertura assicurativa reiterata nel biennio, e revocata una patente di guida.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, controlli a Bagnoli e Decumani: due locali chiusi per 5 giorni

Inoltre, gli operatori in via Nuova Bagnoli hanno sanzionato i titolari di due attività commerciali per occupazione di suolo pubblico e, uno dei due, anche per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché aperto oltre l’orario consentito; per il locale è stata altresì disposta la chiusura per 5 giorni.

polizia
Foto di repertorio

Infine, in via Coroglio i poliziotti hanno sanzionato il titolare di un esercizio commerciale perché aperto oltre l’orario consentito ed è stata disposta la chiusura dell’esercizio commerciale per 5 giorni.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Alifana, nuovo treno per i pendolari casertani: farà 140 km all’ora

Il nuovo treno dell'Alifana sarà utilizzato sulla tratta Piedimonte – Napoli 

Omicidio di Avellino, i fidanzati assassini si scambiavano 800 messaggi al giorno

Ripartito il processo a carico di Elena Gioia e Giovanni Limata che nel 2021 uccise a coltellate Aldo Gioia, padre della ragazza

Meteo Napoli, oggi solo temporali e pioggia

Meteo Napoli l'autunno e' partito con piogge diffuse anche sotto forma di nubifragi

Bancarotta fraudolenta: arrestati 3 imprenditori di Boscotrecase

Agli arresti domiciliari sono finiti i coniugi separati titolari della società "Il Barilotto srl" dichiarata fallita e di un loto prestanome. sequestrati beni per 4,7 milioni di euro

IN PRIMO PIANO

Pubblicita