In manette Antonino Esposito Sansone e Francesco Esposito autori dell’omicidio di Pietro Scelzo o’ nasone

______________________________

Nel pieno della guerra di camorra degli anni novanta tra il clan D’Alessandro e la cosca degli Scarpa Omobono uccide il “traditore” Pietro Scelzo detto o’ nasone.

Questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia – nei confronti di Antonino Esposito Sansone, di 57 anni (condannato a 15 anni di carcere la scorsa settimana nello storico processo Sigfrido), e Vincenzo Esposito di 44 anni, entrambi liberi, gravemente indiziati dell’omicidio di  Pietro Scelzo detto o’ nasone, ucciso nell’androne del cortile della propria abitazione con undici colpi di arma da fuoco esplosi da una pistola cal. 9, in Vico Pace nel centro antico di Castellammare di Stabia il 18 Novembre 2006.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Castellammare, ordinanza per l’omicidio Scelzo al killer neo pentito Rapicano

L’odierno provvedimento trae spunto dall’arresto di Pasquale Rapicano, operato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata il 6 Febbraio 2020, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dalla 5^ Sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli con riferimento alla sentenza con la quale, in data 28.11.2019, ha condannato proprio il Pasquale Rapicano alla pena dell’ergastolo con isolamento diurno per la durata di mesi sei, poiché responsabile dell’omicidio Scelzo.

O’ NASONE TRADI’ I D’ALESSANDRO E FU UCCISO

L’attività investigativa, sviluppata da gennaio 2020 a novembre 2020 dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Torre Annunziata, ed integrata da intercettazioni telefoniche, servizi di osservazione controllo e pedinamento, nonché dalle dichiarazioni di quattro collaboratori di giustizia, ha consentito di far luce sull’esatta dinamica dell’omicidio, perpetrato con particolare ferocia e premeditazione, accertando che  Vincenzo Ingenito e il super killer del clan pentito da alcuni anni Renato Cavaliere, avevano decretato la morte di Pietro Scelzo per il tradimento determinatosi con il suo passaggio nelle fila del clan rivale degli Omobono-Scarpa, per conto del quale stava gestendo lo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere “Centro Antico” di Castellammare di Stabia.

LEGGI ANCHE  Castellammare, i carabinieri passano al setaccio Scanzano

 castellammare omicidio scelzo

Le indagini hanno permesso di ricostruire le fasi in cui il gruppo di fuoco, composto da Pasquale Rapicano, Vincenzo Guerriero (poi suicidatosi nel Carcere di Benevento nell’anno 2017) e  Antonino Esposito Sansone, avevano seguito la vittima studiandone i movimenti, le frequentazioni e gli orari di ritorno presso la propria abitazione, individuando insieme ai mandanti le strategie per recuperare le armi utilizzate per l’omicidio, per consegnarle al materiale esecutore e per occultarle al termine dell’azione di fuoco.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Processo Sigfrido: 312 anni di carcere al clan D’Alessandro.TUTTE LE CONDANNE

L’omicidio di Pietro Scelzo alias “o’nasone”, avvenuto proprio nel Centro Storico di Castellammare ed attinente ad una fase di guerra tra clan estremamente violenta e caratterizzata da numerosi eccellenti delitti, integrava la finalità mafiosa di affermare il predominio del clan D’Alessandro nel territorio di Castellammare di Stabia ed il suo pieno controllo delle relative piazze di spaccio a scapito dei rivali del clan Scarpa Omobono.


Di La Redazione



Ti potrebbe interessare..