Pizzo per conto di Zagaria e ‘ndrangheta: due arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Pizzo per conto di Zagaria e ‘ndrangheta: due arresti

Pretendevano soldi da un imprenditore di Cellole, nel Casertano, in nome della della famiglia Zagaria di Casapesenna ma anche della ‘ndrangheta, e lo hanno minacciato di morte. L’obiettivo era fagli pagare un somma di denaro come saldo di lavori edili effettuati da una ditta della provincia di Caserta in un capannone industriale destinato allo stoccaggio di rifiuti dell’imprenditore con una maggiorazione del 5% dell’importo dei lavori.

L’uomo e’ stato minacciato con armi anche perche’ non comprasse una societa’ attiva nella raccolta e trasporto rifiuti speciali a Frosinone. Per questo sono stati arrestati Gianni Sicilia, 59 anni, e Luigi Del Villano, 49 anni, dopo una inchiesta dei carabinieri di Sessa Aurunca e una misura cautelare emessa dal gip di Napoli.

Le indagini riguardano un arco di tempo che va da settembre a dicembre 2020 e sono state supportate da intercettazioni telefoniche ambientali e videoriprese. I due devono rispondere di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.






LEGGI ANCHE

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE