Napoli, era agli arresti domiciliari ma continuava a spacciare e per farlo aveva anche un professionale munito di telecamere con il quale probabilmente faceva le consegne.

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vicaria Mercato , durante un controllo in vico dei Candelari presso l’abitazione di un uomo sottoposto agli arresti domiciliari per reati in materia di stupefacenti, hanno rinvenuto 5 involucri con 130 grammi di eroina, 1755 euro e un professionale munito di telecamere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, festeggia la comunione della nipotina con fuochi d’artificio in strada: denunciato

, 43enne napoletano, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Gli investigatori non escludono che l’uomo, che si trovava gia’ agli arresti domiciliari, prendendo spunto dagli innovativi progetti di Amazon, consegnasse anche la droga ai suoi clienti con quel , il cui pilotaggio e’ consentito solo dopo il conseguimento di un corso di abilitazione.

Per gli inquirenti il pusher, che e’ accusato di detenzione di droga ai fini di spaccio, gestiva una delle “piazze di spaccio” piu’ importanti della zona direttamente dalla sua abitazione di vico dei Candelari. Inoltre aveva a sua disposizione anche il lastrico solare del palazzo dove abitava, sul quale aveva disegnato una sorta di piattaforma di lancio dalla quale partiva e atterrava il drone. Di recente le forze dell’ordine gli hanno sequestrato un sofisticato sistema di videosorveglianza, composto da ben 5 telecamere, che usava, appunto, per controllare i movimenti della Polizia e dei Carabinieri.



Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..