Servizio “Alto impatto” a Melito: un arresto e controlli a tappeto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Servizio “Alto impatto” a Melito: un arresto e controlli a tappeto

Servizio di alto impatto a Melito di Napoli per i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. I Carabinieri della Compagnia di Marano di Napoli insieme a quelli del Reggimento Campania hanno setacciato le strade della città. Nel mirino dei Carabinieri il contrasto all’illegalità diffusa, allo spaccio di sostanze stupefacenti ma anche la verifica del rispetto delle normative anti-contagio.
110 le persone identificate – ben 41 sono pregiudicate – e 98 le auto controllate, sono 4 i veicoli che sono stati sequestrati.

A finire in manette angelo bottino, 30enne del posto già noto alle ffoo. I Carabinieri hanno perquisito la sua abitazione e lì hanno trovato un sacchetto con all’interno 140 grammi di cocaina. Il 30enne – che dovrà rispondere di detenzione di droga a fini di spaccio – è stato condotto al carcere in attesa di giudizio.

Durante le operazioni, i militari dell’arma hanno denunciato a piede libero per contrabbando di sigarette e porto di oggetti atti ad offendere un 36enne del posto. I carabinieri lo hanno fermato durante un posto di controllo e lo hanno controllato. Perquisito, sono stati rinvenuti e sequestrati 60 pacchetti di “bionde” privi dei sigilli dei Monopoli di Stato. Nell’auto anche 1 bastone, 1 ascia e la somma contante di 800 euro ritenuta provento illecito.

    Nel corso delle operazioni i Carabinieri hanno sanzionato 12 cittadini per il mancato rispetto delle norme anti-covid.






    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE