Il virologo Pregliasco: ‘Preoccupa il ritorno a scuola, problemi con la mobiltà’

SULLO STESSO ARGOMENTO

La ripresa dalla scuola completamente in presenza “preoccupa molto” Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale dii Milano, intervenuto ad ‘Agorà’ su Rai3.

“Non tanto i piccolini, ma gli adolescenti e la fascia giovanile”, ricorda, sono “colpiti dalla variante inglese” del coronavirus Sars-CoV-2 “in modo più ampio e con forme asintomatiche, quindi difficili da individuare senza uno screening”. Il rientro in classe “rappresenta sicuramente un’esigenza – ammette l’esperto – Lo si vuole, lo si desidera ed è necessario per certi versi. Lo vedo anche all’università, nei corsi che faccio in differita: l’efficacia è sicuramente inferiore almeno per una parte dell’insegnamento, per la discussione, per l’interazione”. Tuttavia, mentre “un protocollo all’interno della scuola, se ben seguito, minimizza i dati e alcuni studi ce lo dicono, tutto ciò che è la mobilità intorno spaventa – evidenzia Pregliasco – perché alla fine sono quelli i luoghi di maggior affollamento” e quindi “di maggior rischio”.

PUBBLICITA

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Campania, consegnate già 250mila card vaccinali

“Questa decisione”, quella di riaprire allentando progressivamente le restrizioni anti-Covid, “sicuramente potrà avere un prezzo da pagare e questo è oggettivo” secondo Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano, intervenuto ad ‘Agorà’ su Rai3. Se il premier Mario Draghi ha parlato di “rischio ragionato”, l’esperto spiega che “dal punto di vista della sanità pubblica, dal punto di vista scientifico, il rischio dovrebbe tendere a zero, quindi dovrebbe comprendere in questo momento un lockdown stretto, strettissimo e prolungato”, che tuttavia è “impossibile nella pratica”, ammette Pregliasco. “Il sistema dei colori ha mitigato la velocità con cui la malattia si è diffusa – sottolinea il direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi di Milano – Non si è riusciti a ottenere una riduzione dell’incidenza sotto livelli tali da permetterci un tracciamento, però ha reso meno pesante l’impatto sul Servizio sanitario nazionale. Io credo che un rischio c’è, è oggettivo – ripete Pregliasco – e dipenderà da tante cose: in primis dalla velocità con cui la vaccinazione potrà progredire”, ma anche “dalla responsabilità di ognuno di noi”.



Torna alla Home
facebook

DALLA HOME

googlenews

CRONACA NAPOLI

PUBBLICITA