🔴 ULTIME NOTIZIE :

Galli: “Milan sgonfio e impaurito. Scudetto al Napoli? E’ l’anno giusto”

Per lo scudetto del Napoli "credo possa essere l'anno giusto, me ne sono convinto dopo il ko del 4 gennaio contro l'Inter. Anche in quel caso cercò di rimontare attraverso il gioco, è una squadra troppo in salute". Lo dice l'ex portiere Giovanni Galli, intervenuto ai microfoni di Radio...

“Dona un gioco” è l’iniziativa di ABIO Napoli per donare un sorriso ai bambini in ospedale

A un mese dal lancio dell’iniziativa, sono 500 i giocattoli raccolti e già donati nei reparti pediatrici di Napoli e provincia, grazie al cuore immenso dei napoletani

foto dal web

    “Dona un gioco” è l’iniziativa di ABIO Napoli per donare un sorriso ai bambini in ospedale

    ABIO , Associazione per il Bambino In Ospedale, da 21 anni si occupa di sostenere e accogliere, in 11 ospedali di Napoli e provincia, i e le loro famiglie al fine di rendere meno traumatica l’esperienza dell’ospedalizzazione.

    L’emergenza sanitaria ha duramente colpito l’attività di volontariato, costringendo ABIO Napoli a sospendere il servizio in ospedale.
    Questo però non ha fermato la voglia di dare sostegno ai bambini ricoverati, infatti i volontari ABIO continuano a stare al loro fianco, anche a distanza, con tanti progetti volti a rendere meno traumatica l’esperienza dell’ospedalizzazione.

    Periodicamente, previa autorizzazione delle direzioni sanitarie, ABIO Napoli riesce a far recapitare, in tutta sicurezza, ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici in cui è attivo il servizio di volontariato.
    È nata così, poco più di un mese fa, l’iniziativa “Dona un gioco”, attraverso la quale è sempre possibile donare un giocattolo ad ABIO Napoli che provvederà a consegnarlo alle strutture ospedaliere che distribuiranno i giochi nei reparti pediatrici. Per aderire basta cliccare sul pulsante “Dona un gioco” sul sito www.abionapoli.org/Sostienici/

    Sono circa 500 i giocattoli raccolti finora e già donati nel reparto di Microcitemia infantile dell’ospedale Cardarelli e nei reparti pediatrici dei seguenti ospedali: Pausilipon, Santobono, San Paolo, Monaldi, Policlinico Federico II e Santa Maria della Pietà.

    Il gioco rappresenta un’attività fondamentale per la serenità dei bambini, ancora di più durante il ricovero ospedaliero e questo ABIO Napoli lo sa benissimo, infatti da 21 anni porta avanti la mission “Giocare aiuta a guarire”.
    ABIO Napoli appena potrà rientrare negli ospedali continuerà la sua opera di umanizzazione dei reparti pediatrici, rendendo ancora più colorate e a misura di bambino le 25 ludoteche aperte nei primi vent’anni di attività al fianco dei bambini in ospedale.

    È possibile sostenere ABIO Napoli anche in fase di dichiarazione dei redditi, scrivendo il codice fiscale 94202690635 e apponendo la firma nella casella per il sostegno del Volontariato.

    Leggi anche

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Jabil, sindacati al Mimit: “Dipendenti esasperati”

    Con i 190 licenziamenti "solo" rinviati di un mese, "non c'è tempo da perdere" per i lavoratori dello stabilimento di Marcianise della multinazionale Jabil,...

    A Materdei arrestato narcos che trasportava droga

    A Materdei la polizia ha arrestato un pregiudicato di 47 anni sorpreso con ben 400 grammi di marijuana. Ieri sera gli agenti del Commissariato San...

    Aversa, fanno ‘scomparire’ campo di calcetto: 3 persone denunciate

    È rimasta solo la devastazione e null'altro del campo di calcetto "scomparso" in via Bachelet ad Aversa . L'episodio ha portato alla denuncia di tre...

    Hamsik, nuovo look: taglio della cresta dopo 20 anni

    Un nuovo look per Marek Hamsik: niente più cresta. Un cambio radicale di quello che è stato un simbolo per lui negli anni che...