A Don Franco il premio nazionale Don Peppe Diana

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Don Franco il premio nazionale Don Peppe Diana.
Il sacerdote sarà premiato il 4 luglio presso Casal di Principe in provincia di Caserta

Don Franco Monterubbianesi, fondatore della Comunità di Capodarco, riceverà il Premio nazionale Don Peppe Diana “Per amore del mio popolo” il 4 luglio presso Casal di Principe in provincia di Caserta.

Le motivazioni del premio recitano: “Don Franco Monterubbianesi, sacerdote e fondatore della prima casa a Capodarco di Fermo, messaggero di liberazione e prete di frontiera, riceverà il riconoscimento perché le sue battaglie credono in una società migliore, immerso in uno spirito di servizio per i giovani, per i disabili e per tutti coloro che hanno bisogno di una seconda possibilità. La sua opera, guarda al superamento dei limiti in un approccio visionario con profonde radici nella terra della concretezza”.

Emblematiche le parole di ringraziamento del religioso: “Noi di Capodarco abbiamo sempre detto e operato per la condivisione totale con i deboli e i poveri, la nostra è una progettualità concreta volta a riscattarli” e a proposito del premio continua: “Questo premio appartiene anche a voi che seguite con passione la mia idealità di uomo visionario ma concreto, come sono stato definito”



    La realtà del sud, da sempre teatro di lotta alle mafie e al degrado sociale da cui esse originano, è naturalmente fra i pensieri di Don Franco anche per via della conoscenza personale con lo stesso Don Peppe Diana assassinato dalla camorra nel 1994.

    A lui vanno le parole commosse del fondatore della comunità di Capodarco il quale ricorda “I giovani di Don Peppe nel 1994 ai funerali portavano scritto sugli striscioni: ‘Ti hannno ucciso don Peppino ma non potranno mai uccidere le idee che tu ci hai donato’, è da qui che dobbiamo partire tutti perché le idee oggi devono essere la forza della resurrezione che noi di Capodarco abbiamo sempre sperimentato”.

    Per finire Don Franco chiude con una nota di speranza riguardo al sud: “Dopo 26 anni dalla morte di Don Peppe anche nel Casertano, nella terra dei Fuochi, tante cose nuove sono nate e stanno crescendo. Con il nostro premio e con la nostra realtà, mettiamoci in rete con loro e aiutiamoli con la forza della nostra speranza”.

    Leggi anche qui


    Torna alla Home


    Acerra, incendia un’auto e poi si ferma a guardare il rogo: arrestato

    Antonio Bruno, residente ad Acerra, è stato arrestato dai Carabinieri della locale stazione per il presunto incendio doloso di un'auto. L uomo di 40 anni, è attualmente detenuto nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. Una vettura Audi A4 è stata trovata avvolta dalle fiamme lungo corso Italia ad...

    Villaricca, scatta l’allarme del braccialetto elettronico e lo trovano con droga: arrestato

    A Villaricca, un giovane di 18 anni, Arsenio Ascione, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri locali per detenzione di droga a fini di spaccio. Il ragazzo era agli arresti domiciliari e quando è scattato l'allarme del suo braccialetto elettronico, i militari hanno deciso di intervenire per...

    Napoli, processo crollo Galleria Umberto: due imputati rinunciano alla prescrizione

    Due dei cinque imputati nel processo d'appello sulla tragedia della Galleria Umberto I di Napoli, accaduta il 5 luglio 2014, hanno deciso di rinunciare alla prescrizione. In quella tragica giornata, lo studente quattordicenne Salvatore Giordano, residente a Marano di Napoli, perse la vita a causa delle gravi ferite riportate quando...

    Altre tre scosse di terremoto nella notte ai Campi Flegrei

    Non si ferma lo sciame sismico nei Campi Flegrei. Nella notte appena trascorsa i sismografi dell'Ingv hanno registrato tre movimenti tellurici con epicentro nella Solfatara di magnitudo compresa fra i 2.0 e i 2.5. Il primo sisma è stato registrato alle 3,34 ed è stato di magnitudo 2. Poi alle...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE