Vaccini, uno studio italiano: ‘Prima dose a tutti per tutelare anziani’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Somministrare la prima dose di vaccino secondo la disponibilità potrebbe rappresentare una strategia per salvaguardare la salute degli anziani.

A evidenziarlo uno studio, pubblicato sul server di prestampa medRxiv, condotto dagli scienziati dell’Università di Tor Vergata, dell’Ospedale Bambino Gesù, dell’Universitaà di Padova, dell’Università di Roma Tre e del Centro di ricerca Enrico Fermi, che hanno elaborato dei modelli epidemiologici per stabilire gli effetti della somministrazione diffusa della prima dose di vaccino a un numero maggiore di persone, in contrapposizione all’accantonamento del materiale immunizzante per il richiamo.

“La carenza di vaccini – spiega Giuseppe Pontrelli dell’Università di Tor Vergata – pone sfide rilevanti per le autorita’ sanitarie, chiamate ad agire in modo tempestivo nonostante la scarsita’ di dati, informazioni e materiali immunizzanti. Il nostro modello mostra che dare la priorita’ alla somministrazione della prima dose potrebbe portare a una serie di vantaggi nel contesto italiano”.

Il team ha sviluppato un modello per valutare l’impatto della vaccinazione sulla mortalità degli anziani, considerando il programma vaccinale con il richiamo a 3-4 settimane e la somministrazione della prima dose. Gli scienziati hanno esaminato lo scenario italiano, ritenuto rappresentativo di altri paesi in cui vigono condizioni simili di circolazione del virus, mortalità e carenza di vaccini, valutando il periodo compreso tra il 10 febbraio e il 14 aprile 2021.



    Il gruppo di ricerca ha focalizzato l’attenzione su 4.442.048 persone con piu’ di 80 anni per stabilire gli effetti delle due strategie di vaccinazione sulla popolazione anziana. “Le campagne vaccinali con priorita’ alla somministrazione della prima dose – riporta l’autore – mostravano un aumento significativo di individui protetti e una diminuzione dei decessi fino al 19,8 per cento in meno rispetto al programma standard”.

    “I vaccini Pfizer e AstraZeneca negli studi sperimentali hanno mostrato un’ottima efficacia anche dopo la prima dose – continua l’esperto – un recente studio israeliano ha stimato un’efficacia dell’85 per cento nel ridurre i casi sintomatici di Covid-19, e un’indagine condotta in Scozia sugli operatori sanitari sembra confermare tali dati”. Gli autori sottolineano che si tratta di un effetto a breve termine, ma sempre superiore al minimo indicato dall’Agenzia europea del farmaco (Ema) come soglia di adeguatezza della procedura immunizzante.

    “Il Regno Unito ha adottato la strategia di rinviare la somministrazione della seconda dose a 12 settimane – osserva Giulio Cimini dell’Ospedale Bambino Gesu’, coautore dell’articolo – l’obiettivo e’ quello di estendere la protezione al numero di persone piu’ elevato possibile in attesa delle nuove scorte di vaccini”.

    I ricercatori sostengono che i benefici attesi nel caso della somministrazione diffusa della prima dose secondo la piena disponibilità potrebbero salvaguardare la salute degli anziani. “Se consideriamo uno scenario con 800 mila dosi, circa il 18 per cento della coorte – spiega Marco Roversi, collega e coautore di Pontrelli – con il programma standard di due dosi a distanza di 3-4 settimane e l’accantonamento del materiale immunizzante, un tasso di mortalita’ settimanale di 40 decessi ogni 100 mila persone si tradurrebbe nella perdita di 7.061 pazienti entro il 14 aprile. Considerando gli stessi parametri e dando priorità alla somministrazione della prima dose il nostro modello prevede 1.397 decessi in meno, pari a una riduzione del 19,8 per cento delle morti”.

    “Il vantaggio è evidente – conclude Pontrelli – il nostro schema mostra che eseguire una campagna di vaccinazione dando priorità alla prima dose potrebbe contribuire a proteggere un numero significativamente maggiore di persone ultraottantenni”.


    Torna alla Home


    Salvini: Solo il nucleare può ridurre le bollette energetiche

    Il viceprimo ministro Salvini sostiene che l'energia nucleare costituisce l'unica strategia per diminuire le spese energetiche nel nostro paese. L'energia nucleare: un approccio sicuro e pulito? Nel corso del G7 sui trasporti, Salvini ha difeso l'adozione del nucleare come forma di energia sicura e pulita e unica alternativa per abbattere la...

    Amadeus, lo sfogo di Sabrina Ferilli: “Mi fa schifo che si sputt*** la gente”

    Sabrina Ferilli ha espresso su Instagram la sua disapprovazione riguardo alle speculazioni e ai rumor che gravitano intorno alla questione Amadeus, puntando il dito contro i professionisti coinvolti. Lo ha fatto attraverso un post su Instagram, senza peli sulla lingua. Il pubblico in attesa di notizie sul futuro di Amadeus Immagini...

    Suviana: scatola nera e perizie per capire la strage

    Bologna - Potrebbero essere i dati registrati dal sistema Scada, una sorta di "scatola nera" delle centrali idroelettriche, a fornire alcuni degli elementi chiave per chiarire le cause della tragedia di Suviana. L'esplosione di martedì ha causato la morte di sette tecnici durante lavori di collaudo. Il sistema Scada, come...

    Padre Maurizio Patriciello: “Anche io ho avuto un tumore”

    E' da brividi il racconto di Padre Maurizio Patriciello. Lui che è uno degli artefici delle tante battaglie contro Terra dei Fuochi e in difesa dei più deboli e degli ultimi spiega in un post su facebook che anche lui si è ammalato di cancro. "Alla fine del primo anno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE