Grave una neonata drogata con il metadone: indagata la madre

La piccola di 40 giorni è stata ricoverata in coma respiratorio all'ospedale di Lucca: nelle urine elevata percentuale di metadone e cocaina

google news

Neonata drogata col metadone, ricoverata in arresto respiratorio a Lucca: è fuori pericolo ma la madre è indagata.

E’ quanto hanno scoperto i medici dell’ospedale San Luca di Lucca che stanno curando la piccola, portata dai genitori intorno alle 23,30 di giovedì scorso in arresto respiratorio. La relazione sulle condizioni della bambina è stata inoltrata agli agenti della squadra mobile di Lucca che hanno avviato le indagini e indagato la madre.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Stroncato dal covid il vice allenatore della Cavese

Le indagini della squadra mobile della questura di Lucca sono scattate quando, dai primi riscontri sulla bambina, i medici non hanno individuato alcuna possibile causa per lo stato di coma in cui era piombata la neonata. Nessuna ipotesi di causa naturale, nessun segno evidente di trauma. Le analisi sulle urine della neonata alla ricerca di eventuali sostanze stupefacenti, hanno – purtroppo – fatto emergere un’amara realtà. La bimba aveva un livello di metadone di 16 volte superiore la quantità prevista per essere considerati positivi: 1.644 nano grammi per millilitro (il dato della positività è quando si superano i 100). Le analisi mettono però in rilievo anche la presenza di cocaina nel corpo della neonata: 74 nanogrammi per millilitro (il tasso di positività, anche in questo caso, è quando si superano il livello di 100 ng/ml).

L’ipotesi, quindi, più probabile è che alla piccolina sia stato somministrato del metadone, probabilmente assunto dal biberon visto che la madre non allatta la neonata.

La squadra mobile sta ancora raccogliendo elementi per ricostruire la dinamica dei fatti, quindi al momento il pm che ha disposto le indagini, Laura Guidotti, non ha ancora formulato un’ipotesi precisa di reato. Entrambi i genitori risiedono a Lucca. La piccola, tuttora ricoverata all’ospedale di Pisa, in una prima fase e’ stata anche intubata: ora respira da sola, spiega la polizia.Nei prossimi giorni però i medici la sottoporranno ad ulteriori analisi per accertamenti neurologici.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Camorra, molotov e cani uccisi per un pizzo da 15mila euro

I carabinieri di Sessa Aurunca hanno arrestato un pregiudicato di 52 anni legato al clan dei Muzzoni

Premio Strega Ragazze e Ragazzi, le terne finaliste

Premio Strega Ragazze e Ragazzi, le terne finaliste. Vincitori a Fiera Più Libri Più Liberi dal 7-11 dicembre a Roma Sono state annunciate, dal Comitato...

A Bagnoli incendio al Lussy Caffè, a Posillipo fiamme a un’auto

Due incendi nella notte a Napoli: i carabinieri indagano sulle cause

Napoli, ore contate per il ladro dell’Antica Latteria a Chiaia. Il video

Il volto dell'uomo che ha utilizzato lo scooter come ariete per sfondare la porta del ristorante di vico Alabardieri a Chiaia è ben visibile dalle immagini delle telecamere della zona e che stanno circolando da ieri sul web

IN PRIMO PIANO

Pubblicita