Benno Naumair confessa: ‘Ho ucciso i miei genitori’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Benno Naumair ha confessato di aver ucciso i genitori Peter Neumair e Laura Perselli.

È quanto si legge in un comunicato della procura di Bolzano.La procura ha desegretato i verbali dei due interrogatori nel corso dei quali l’indagato, alla presenza dei suoi difensori, ha ammesso le proprie responsabilità.

LA COPPIA SCOMPARSA IL 4 GENNAIO

La coppia bolzanina era scomparsa lo scorso 4 gennaio, il 29 gennaio il figlio Benno Neumair era stato arrestato e il 6 febbraio la salma di Laura Perselli era stata trovata nell’Adige nei pressi di Egna. Durante l’interrogatorio di garanzia il 30enne si era avvalso della facolta’ di non rispondere, nei giorni scorsi, tramite i suoi legali, aveva invece manifestato la volonta’ di incontrare gli inquirenti. Riprenderanno le ricerche, sospese nei giorni scorsi, del corpo di Peter Neumair, in attesa delle determinazioni del gip e dei primi esiti dell’incidente probatorio in corso, informa la procura.

LA PROCURA CHIEDE DI VERIFICARE LE CAPACITA’ DI INTENDERE E VOLERE

La Procura di Bolzano chiede un incidente probatorio per accertare “la capacità di intendere e volere” di Benno Neumair. In una nota l’ufficio degli inquirenti precisa che oggi l’istanza è stata trasmessa all’ufficio del giudice delle indagini preliminari. Benno, 30 anni, è figlio di Peter Neumair e Laura Perselli, la coppia di coniugi scomparsa il 4 gennaio scorso. I magistrati – si aggiunge – hanno anche “desecretato i verbali dei due interrogatori nel corso dei quali l’indagato, alla presenza dei difensori, ha ammesso le sue responsabilità”. Nel comunicato si spiega che “in attesa delle determinazioni del giudice per le indagini preliminari e dei primi esiti dell’incidente probatorio in corso, si comunica che le ricerche volte al ritrovamento del corpo di Peter Neumair proseguiranno ulteriormente”.






LEGGI ANCHE

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE