Napoli, bibita si blocca nel distributore e 3 ragazzi prendono a calci la macchina danneggiandola

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il titolare: “Aiutatemi ad identificare questi delinquenti.”. Borrelli: “Gli istinti vandalici e delinquenziali vanno stroncati sul nascere. Bisogna individuare i colpevoli.”

Acquistano delle bibite in un distributore di un sistema H24, poi una delle lattine si blocca e i tre ragazzi cominciano a tempestare di calci e pugni il distributore automatico con una violenza inaudita. È una scena ripresa dalle videocamere di sorveglianza di un sistema di distributori h24 di Via della Speranza a Napoli che testimonia l’ennesimo atto di vandalismo compiuto a danno di imprenditori. A denunciare la vicenda è lo stesso Imprenditore, Fabio Sorrentino, che si è rivolto al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli: “Ho deciso di investire nei distributori h24 proprio per far fronte all’emergenza covid che sta togliendo molto ossigeno a noi imprenditori, purtroppo non avevo messo in conto la scelleratezza, l’inciviltà e la totale mancanza di educazione di alcuni ragazzi. Se un prodotto non viene erogato, basta telefonare all’assistenza, al numero indicato, e il prodotto verrà reso o rimborsato al massimo il giorno dopo. Prendere a calci la macchina non porta a nulla se non a danneggiarla. Ho deciso di denunciare pubblicamente l’accaduto affinché si possa risalire all’identità di questi soggetti, il loro gesto non può’ restare impunito, gli serve una lezione.” .

“Siamo d’accordo, a questi ragazzi serve propria una lezione così come anche ai loro genitori che evidentemente hanno peccato nella loro educazione. Questi istinti vandalici e delinquenziali vanno stroncati sul nascere altrimenti la situazione non può che aggravarsi. I tempi dell’estrema tolleranza vanno riposti, bisogna cambiare registro”. Le parole di Borrelli.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE