Seguici sui Social

Avellino e Provincia

Operatore 118 aggredito ad Avellino: l’Asl esprime solidarietà

PUBBLICITA

Pubblicato

il



Operatore 118 aggredito ad Avellino: l’Asl esprime solidarietà

La direzione strategica dell’Asl di Avellino esprime la propria solidarietà nei confronti dell’operatore del 118, aggredito oggi a Mercogliano, da un parente della persona per la quale era stata richiesta assistenza sanitaria.

“Si tratta di episodi gravissimi che non possono essere tollerati – afferma il direttore generale, Maria Morgante – nei confronti di chi ha sempre operato in prima linea per il bene della comunità, risorsa preziosa soprattutto in questa emergenza sanitaria”.

LEGGI ANCHE  Covid, Asl multa Comune di Maiori per mancato rispetto norme anti-contagio

Continua a leggere
Pubblicità

Avellino e Provincia

Restituito pannello maioliche del ‘600 rubato, era da un antiquario

Il ritrovamento è avvenuto durante un’ispezione dei carabinieri dei registri commerciali di un rivenditore di Sorrento

Pubblicato

il

Restituito pannello maioliche del ‘600 rubato: era stato smontato e rubato sette anni fa e poi ritrovato da un antiquario di Sorrento.

Un prezioso pannello maiolicato del ‘600 che raffigura San Michele Arcangelo è stato restituito dai carabinieri del Nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli al Comune di Contrada.

L’opera era collocata in un’edicola votiva, quando i più devoti al santo si accorsero del furto. Il ritrovamento è avvenuto durante un’ispezione dei carabinieri dei registri commerciali di un rivenditore di Sorrento. Alcuni militati hanno notato un’operazione, regolarmente inserita nel registro di Pubblica Sicurezza, che riportava la descrizione “pannello maiolicato composto da 15 maioliche e di cui una mancante, raffigurante San Michele Arcangelo”.

LEGGI ANCHE  Rissa tra detenuti a Capodanno nel carcere di Avellino

Nonostante l’operazione di compravendita fosse datata aprile 2014, stesso mese del furto, i militari sono riusciti a identificare l’ultimo possessore, anch’egli titolare di un esercizio di Sorrento, al quale è stata sequestrata l’opera. Il raffronto con le immagini dell’opera archiviate nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti ha consentito di identificare l’opera trafugata.

Continua a leggere

Le Notizie più lette

PUBBLICITA