kit di primo soccorso

Non ci sono mezzi termini: sorvegliare la tua salute è una pratica che conviene rendere quotidiana e frequente, insomma renderla una vera e propria abitudine.

Se le tue nozioni di pronto soccorso risalgono ormai a diverso tempo fa, è tempo di fare un piccolo ripasso sui prodotti che devono esserci nel tuo kit di primo soccorso. Li divideremo nelle due macrocategorie dei prodotti per il controllo e mantenimento, e di quelli per le ferite o piccole emergenze.

I prodotti per sorvegliare la tua salute

1)   Il Termometro

Alleato ormai indispensabile per sorvegliare la tua salute, il termometro ha cambiato la sua tecnologia di base fino a differenziarsi in tanti tipi diversi. Abbiamo la misurazione a infrarossi a distanza, comoda soprattutto per un kit di primo soccorso casalingo o per le grandi strutture.

Per chi ha necessità di un articolo più maneggevole, c’è il buon vecchio termometro digitale da contatto. Misurazione orale, ascellare, auricolare… puoi scegliere quella che più si confà alle tue esigenze!

2)   Il saturimetro

Dopo la recente pandemia si trovano moltissimi di questi dispositivi, utili per monitorare la saturazione di ossigeno nel sangue (SpO2). Molti di questi sono in grado di misurare anche la frequenza cardiaca, parametro utile per chi ha problemi cardiocircolatori, o per gli sportivi.

3)   Misuratore di pressione arteriosa

Anche qui, la tecnologia viene in nostro aiuto, consentendo di misurare la pressione sistolica e diastolica con alta precisione, ma senza bisogno di imparare a usare il complicato sfigmomanometro.

I prodotti per le emergenze

C’è poi una seconda categoria di prodotti che non possono mancare nel tuo kit di primo soccorso, che ovviamente variano molto a seconda dell’uso finale che ne farai. Ad esempio, se stai andando a fare un’escursione in montagna di più giorni, ha meno senso sorvegliare la tua salute sul lungo termine, e ti serviranno piuttosto dei cerotti per le vesciche o dei fermenti lattici.

LEGGI ANCHE  Tragedia a Marcianise: si toglie la vita volontaria nell’ospedale pediatrico

Vediamo di fare una breve rassegna, cercando di orientarci di più a un kit di primo soccorso domestico di base.

4)   Garze e acqua ossigenata

Piccola premessa: l’acqua ossigenata, come la normale acqua e sapone, va benissimo per disinfettare una ferita. Invece, il disinfettante si usa perlopiù sulla pelle che deve essere incisa/tagliata/suturata o che deve ricevere un’iniezione.

Quindi, mettere su un ginocchio sbucciato del disinfettante alcolico può essere inutilmente doloroso! Oltre all’acqua ossigenata, perciò, tieni sempre nel tuo kit della garza sterile (chiusa) e del cerotto tagliabile insieme a delle forbici pulite, o dei cerotti mono-confezionati.

Si trovano anche in commercio delle garze imbevute di acido ialuronico, ottime per le ustioni.

5)   Farmaci da banco – su consiglio del tuo medico!

Ogni persona ha le proprie specifiche necessità, quando si tratta di emergenze. Ad esempio, molte persone che soffrono di emicrania ben conoscono la posologia dell’aspirina, e su indicazione del proprio medico curante la assumono in caso di dolore.

Oppure, per gli sportivi soggetti alla possibilità di disidratazione o lesioni ha senso tenere degli anti-infiammatori da banco e degli integratori di sali minerali.

In generale però, per quanto riguarda i farmaci, è sempre meglio rivolgersi al proprio medico di famiglia.

Magari, chiedi specificatamente dei consigli per farmaci da inserire nel tuo kit di primo soccorso.

 

 


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie

Voragine ospedale del Mare: cedimento per le infiltrazioni di acqua

Notizia Precedente

Crolla nella notte Palazzo Buonanno a Gricignano d’Aversa

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..