Covid, Furore: il sindaco proroga la zona rossa fino al 17 gennaio. Le regole

SULLO STESSO ARGOMENTO

Covid, il primo cittadino di Furore, Giovanni Milo, ha disposto la proroga della zona rossa, con una serie di misure restrittive, fino al prossimo 17 gennaio.

Scattano le misure ancora più restrittive nel Comune di Furore. Il sindaco ha deciso, con apposita ordinanza, di prorogare la zona rossa fino al 17 gennaio. Di seguito le regole imposte dal primo cittadino:

  • Il divieto di far visita a parenti ed amici se non per comprovate motivazioni di necessità ed urgenza
  • Le misure di cui all’art. 3 comma 4 del DPCM 3.12.20
  • La temporanea chiusura per lo stesso periodo al Culto delle chiese insistenti sul territorio, salvo celebrazioni di cerimonie funebri da tenersi in forma strettamente privata limitatamente ai parenti stretti
  • Resta revocata l’ordinanza n. 54 del 21.12.20 e pertanto il civico cimitero resta chiuso al pubblico
  • Dall’11 gennaio al 17 gennaio 2021 sono sospese le attività didattiche in presenza alla scuola dell’infanzia e della scuola primaria nel plesso scolastico V. Florio di Furore
  • Restano consentite le attività in presenza destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità previa valutazione da parte dell’istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto e in ogni caso garantendo il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza.

Segui il Comune di Furore su Fb: https://www.facebook.com/ComunediFurore






LEGGI ANCHE

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE