Seguici sui Social

Flash News

Natale: niente spostamenti tra comuni, ristoranti aperti fino alle 18 e servizio in camera per i cenoni

PUBBLICITA

Pubblicato

il

foto di repertorio


Natale: niente spostamenti tra comuni, ristoranti aperti fino alle 18 e servizio in camera per i cenoni.

 

Sono queste le decisioni principali che il Governo Conte si appresta a vara nella giornata di oggi dopo il lungo braccio di ferro tra aperturisti e rigoristi nella riunione con il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione di maggioranza. Alla fine, nella sostanza, è la linea dura a prevalere in particolare sul capitolo spostamenti.

Dal 21 dicembre saranno consentiti solo gli spostamenti per il rientro dei residenti o rientro al domicilio. Niente ricongiungimenti familiari né spostamenti verso le seconde case. Esigenza, quello dello stop alla mobilità, fortemente sottolineata da Roberto Speranza, Francesco Boccia, Dario Franceschini e Alfonso Bonafede. Inoltre il 25, il 26 dicembre e il 1 gennaio non saranno consentiti spostamenti tra i Comuni, per una stretta ancor più incisivi che tenga a freno la curva dei contagi. “Non sarà possibile raggiungere i nonni per il Natale. È giusto così, vanno protetti”, spiega una fonte di governo all’Adnkronos.

LEGGI ANCHE  Traffico di droga tra Napoli, Caserta e la Sardegna: 32 arresti

Il fronte aperturista con Iv in prima linea ‘ottiene’ l’apertura dei ristoranti a pranzo a Natale e Santo Stefano (resta la chiusura alle 18). Rimane il coprifuoco alle 22 sempre, anche nei giorni di festa, Capodanno compreso. Nulla di fatto sulla scuola, sebbene Conte nel pomeriggio con i capigruppo di maggioranza avesse sondato il terreno sull’ipotesi di un’apertura ‘simbolica’ il 14 dicembre che avrebbe fatto “bene ai ragazzi”.

A sorpresa invece arriva la decisione sugli alberghi in montagna: a differenza di rumors e previsioni, resteranno aperti. Ma per evitare veglioni e festeggiamenti di fine anno, alle ore 18 del 31 dicembre i ristoranti delle strutture alberghiere -al pari degli altri ristoranti sull’intero territorio nazionale- dovranno chiudere i battenti, e sarà concesso esclusivamente il servizio in camera. Gli impianti sciistici del resto, il cui stop è stato confermato stasera. Sul capitolo cenoni non dovrebbe essere indicato un numero massimo di partecipanti ma solo una ‘raccomandazione’ a non ospitare persone non conviventi.

 


Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Campania

Scende ancora la curva del contagio in Campania: oggi al 7,74%

Pubblicato

il

Scende ancora la curva del contagio in Campania: oggi al 7,74%. In calo rispetto a ieri (8,25%)

I nuovi contagi censiti sono 1.132 (di cui 94 sintomatici) su 14.611 tamponi, di cui 11 antigenici. Il bollettino dell’Unita’ di crisi segnala 23 vittime, di cui 9 decedute nelle ultime 48 ore e 14 risalenti ai giorni precedenti; 1.488 i guariti. In risalita il numero dei posti letto occupati, 97 in terapia intensiva (+4 rispetto a ieri) e 1.432 quelli di degenza (+31).

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Covid: oggi 16.310 casi e 475 morti in Italia, rapporto al 6,3%

Questo il bollettino di oggi:
Positivi del giorno: 1.132 (di cui 1 caso identificato da test antigenico rapido)
di cui
Asintomatici: 1.037
Sintomatici: 94
* Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare
Tamponi del giorno: 14.611 (di cui 11 antigenici)
Totale positivi: 206.128 (di cui 74 antigenici)
Totale tamponi: 2.223. 216 (di cui 1.364 antigenici)
Deceduti: 23 (*)
Totale deceduti: 3.358
Guariti: 1.488
Totale guariti: 130.216
* 9 deceduti nelle ultime 48 ore e 14 deceduti in precedenza ma registrati ieri
Report posti letto su base regionale:
Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 97
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 1.432
** Posti letto Covid e Offerta privata

LEGGI ANCHE  Napoli, denunciati due parcheggiatori abusivi nella zona dei baretti di Chiaia
Continua a leggere

Le Notizie più lette