La mareggiata ha distrutto anche i mezzi dell’esercito sul molo San Vincenzo. LE FOTO E IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli la mareggiata distrugge decine di automezzi dell’esercito.

Continuano a giungere scene di devastazione da Napoli a seguito della tremenda mareggiata di tre giorni fa lungo via Marina. In via Marina e precisamente al molo San Vincenzo una colonna di mezzi dell’Esercito parcheggiati nell’area del porto di Napoli adibita al parcheggio automezzi militari del Comfop, ha subito gravissimi danni. Il Comando militare ha sede in piazza del Plebiscito.

I mezzi dell’esercito hanno riportato  danni per decine di migliaia di euro. Decine e decine di automezzi nuovi sono stati completamente distrutti e ribaltati dalla furia del vento e del mare.

    La mareggiata del 28 dicembre si è portata via anche un intero pezzo di Castel dell’Ovo. Il punto in questione- come riporta Il Mattino- è la terrazza inferiore che si affaccia sul mare aperto. Il mare ha abbattuto tutte le protezioni che conducevano all’area della terrazza inferiore, detta ramaglietto (cioè un pontile circondato dal mare). Mura, barriere fatte di scogli, basoli: tutto spazzato via dalle onde.

     



    googlenews
    telegram

    LIVE NEWS

    Sciopero dei metalmeccanici a Caserta: “Caserta torni Terra di Lavoro”

    I sindacati dei metalmeccanici Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm di...

    DALLA HOME

    Sciopero dei metalmeccanici a Caserta: “Caserta torni Terra di Lavoro”

    I sindacati dei metalmeccanici Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm di Caserta hanno proclamato lo sciopero generale per il prossimo 13 giugno. Lo sciopero mira a rilanciare l'economia del territorio e a difendere i posti di lavoro a rischio. Le motivazioni dello sciopero: Numerose vertenze industriali aperte, con quasi duemila lavoratori coinvolti. Tra...

    Campi Flegrei, Legambiente denuncia ritardi e mancanze nella pianificazione e sicurezza

    Napoli. Legambiente ha lanciato un duro monito sulla situazione dei Campi Flegrei, definendo la sicurezza dei cittadini "affidata a interventi emergenziali o meglio estemporanei da predisporre e attuare nel pieno della crisi bradisismica in atto." L'associazione ambientalista denuncia una serie di responsabilità istituzionali: in primo luogo l'assenza di un'adeguata pianificazione...

    CRONACA NAPOLI

    TI POTREBBE INTERESSARE