Esposto del Codacons: prezzi dei voli triplicati dopo il Dpcm

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Codacons ha presentato all’Antitrust e al Ministero dei Trasporti un esposto contro il caro-biglietti nei trasporti aerei e ferroviari.

Nell’atto – riferisce una nota – il Codacons chiede all’Autorità di “indagare sui rincari dei voli nazionali, letteralmente schizzati alle stelle dopo il Dpcm del Governo su Natale che, come noto, vieta gli spostamenti a partire dal 21 dicembre. Alcune compagnie aeree avrebbero infatti approfittato dello stato di necessità degli utenti che devono spostarsi prima del 20 dicembre per raggiungere la propria residenza per triplicare le tariffe, eliminando dal mercato i biglietti a prezzi scontati e le tariffe più convenienti”.

“Una pratica che – scrive il Codacons nell’esposto – risulta scorretta ai sensi del Codice del Consumo in quanto esercita un indebito condizionamento sul consumatore che è indotto a pagare una prezzo molto più alto per effettuare gli spostamenti permessi fino al 21 dicembre”. In merito al settore ferroviario, il Codacons segnala “prezzi alle stelle per spostarsi il 20 dicembre dal nord al sud Italia: per andare da Milano a Salerno si arriva a spendere oltre 152 euro; 183,45 euro per raggiungere Bari partendo da Torino; 198,30 euro per andare da Milano a Reggio Calabria e addirittura 211,50 euro da Torino a Reggio Calabria”. All’Antitrust e al Ministero dei trasporti l’associazione chiede di “indagare sulle tariffe aeree e ferroviarie praticate al pubblico a ridosso del Natale, con particolare riferimento alla sparizione di offerte, sconti e promozioni in vigore sia nel periodo pre-Covid, sia prima dell’emanazione dell’ultimo Dpcm del Governo sul Natale”.

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/12/il-ministro-boccia-a-natale-nessuno-restera-solo-si-ai-trasferimenti-per-necessita/






LEGGI ANCHE

Giugliano, naso rotto ad ausiliario del traffico per una multa

Una aggressione particolarmente grave ha visto un vigilino subire una frattura al setto nasale per un ticket da 50 centesimi non pagato. Il sindaco...

Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE