Ercolano, minaccia di morte la madre per i soldi: arrestato figlio violento

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ercolano, minaccia di morte la madre per i soldi: arrestato figlio violento.

I Carabinieri della stazione di Ercolano hanno arrestato per tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia un 41enne del posto già noto alle forze dell’ordine.Continua il contrasto dei carabinieri del comando provinciale di Napoli alla violenza di genere e – in questo periodo – contro i figli violenti che maltrattano i propri genitori. Dopo gli episodi di San Vitaliano e San Giorgio a Cremano di 2 giorni fa, un altro fatto che colpisce una famiglia (che si rivolge ai Carabinieri) al suo interno.

L’uomo, in questo caso, ha messo a soqquadro l’intera abitazione danneggiando vari mobili. Ha minacciato di morte la madre – come già altre volte in passato – ed ha tentato di picchiarla. Provvidenziale l’intervento dei Carabinieri – allertati dal 112 – che sono riusciti a fermare il 41enne e a bloccarlo. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale.


Torna alla Home


Una sentenza storica della Corte di Cassazione ha condannato l'Ospedale Piemonte e Regina Margherita di Messina al risarcimento di oltre un milione di euro ai familiari di un paziente deceduto a causa di epatite C contratta dopo una trasfusione di sangue infetto. Il paziente, sottoposto a un intervento chirurgico di...
In una lettera aperta pubblicata sull'account Instagram della Curva Sud Milano, Luca Lucci, capo degli ultras rossoneri, ha espresso il desiderio di cambiamento alla guida tecnica del Milan. Lucci inizia la sua lettera ricordando i meriti dell'attuale allenatore, riconoscendogli il merito di aver vinto uno degli scudetti più significativi...
Un tentato femminicidio si è verificato ieri pomeriggio lungo la strada statale 126 a Carbonia nei confronti di una donna di 45 anni. Mentre era al telefono con le forze dell'ordine, l'uomo da lei precedentemente denunciato per stalking e minacce l'ha seguita per le strade della città e ha cercato...
La storia raccontata da una studentessa del Liceo Scientifico Filolao di Crotone parla della sua storia

IN PRIMO PIANO