Covid, arrivato in Italia il primo carico di vaccini

SULLO STESSO ARGOMENTO

Covid, arrivato in Italia il primo carico di vaccini.

E’ arrivato in Italia, dal Belgio viaggiando in autostrada il primo carico di vaccini Pfizer. Ne dà notizia Rainews24 con immagini dal confine italiano del Brennero del furgone in marcia verso la Capitale.Il mezzo è scortato da tre auto dei carabinieri e arriverà all’Istituto Spallanzani da dove parte del carico sarà spostato all’hub di Pratica di Mare.

Il primo carico è costituito da 9.750 dosi che verranno somministrate a medici, infermieri e personale sanitario a partire dal 27 dicembre, data fissata per il ‘vaccine-day’ europeo. Nell’aeroporto militare di Pratica di Mare, sul litorale romano, tutto è pronto per l’avvio dei lavori: in una prima fase dall’aeroporto partiranno i lotti del vaccino Pfizer, ma sarà la seconda fase quella di maggior lavoro per l’hub militare: quando i punti di somministrazione passeranno da 300 a 1500 e partirà la campagna vaccinale di massa, presumibilmente tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, diventerà quello il cuore logistico della distribuzione.

Intanto sono pronti diluenti, siringhe e aghi, per la prima tranche delle somministrazioni.Nella prima fase saranno solo 300 i luoghi di somministrazione del vaccino Pfizer, in gran parte ospedali. Questo perché le caratteristiche del siero e le bassissime temperature di conservazione (-80 gradi) ne limitano la facilità di distribuzione.La distribuzione di massa del vaccino arriverà con la seconda fase: dall’hub nazionale di Pratica di Mare partiranno lotti di vaccino trasportati con il supporto delle forze armate, nei 1500 punti di somministrazione, cui si aggiungeranno una serie di unità mobili per arrivare a tutti coloro che non potranno raggiungere i punti vaccinali, come gli anziani e i malati che non posso lasciare le proprie abitazioni.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE