Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Rapinano ambulante pakistano a Forcella: in manette banda di Nord Africani

Pubblicità'

Pubblicato

il

Forcella,rapinano ambulante pakistano,nord africani


Pubblicità'

Napoli, Rione forcella: Banda rapina ambulante pakistano. Carabinieri arrestano 2 rapinatori di origine nord-africana.

 

Siamo a Piazza Calenda e sono quasi le 23. Lo hanno accerchiato e colpito al volto prendendolo a pugni. Gli hanno tolto i mille euro che aveva in tasca e preso con la forza anche il suo cellulare. Sono in 3 e di origine africana. Alla scena assiste un altro uomo che chiama il 112 e li insegue. I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli – allertati dalla centrale operativa che era in contatto telefonico con il “testimone” – si mettono sulle loro tracce e li trovano nella vicina via Ponte della Maddalena.

Due vengono bloccati mentre un terzo riesce a sfuggire. I militari dell’Arma perquisiscono i due ragazzi 19enni, il primo è originario del gambia mentre il secondo è nigeriano. Nelle loro tasche i 700 euro della vittima (l’altro denaro era nelle mani del fuggitivo). I carabinieri hanno restituito il denaro al legittimo proprietario – un cittadino pakistano che sbarca il lunario come rivenditore ambulante – che ha riconosciuto i suoi aggressori e recuperato il proprio cellulare che era caduto durante l’inseguimento.

Gli arrestati sono stati portati in carcere in attesa di giudizio. Sono in corso indagini per individuare il complice.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Violenze, maltrattamenti e revenge porn: sette arresti in nove giorni tra Napoli e la Provincia

Pubblicato

il

violenze maltrattamenti revenge porn
Foto dal web

Napoli. Violenze, maltrattamenti e revenge porn: sette arresti in nove giorni tra Napoli e la provincia.

Dal 26 novembre ad oggi sono stati effettuati sette arresti per maltrattamenti in famiglia. E’ questo il dato del Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli a poco meno di 10 giorni dalla giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Da gennaio 2020 ad oggi sono 980 circa le denunce raccolte per maltrattamenti in famiglia e 310 le persone arrestate. In ordine di tempo, ieri gli ultimi 2 arresti.
Il primo a Qualiano dove i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un 39enne del posto. I militari – allertati dal 112 per una richiesta di aiuto da parte dei vicini – sono entrati in casa e hanno bloccato l’uomo. Aveva appena preso a calci e pugni la compagna in presenza dei figli minori. La vittima non aveva mai denunciato il compagno ma i carabinieri hanno ricostruito gli innumerevoli episodi di violenza avvenuti in quell’abitazione. Il 39enne è in carcere in attesa di giudizio.
A Gragnano, invece, i carabinieri hanno eseguito un provvedimento cautelare emesso dal Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di un marito violento.
In 8 giorni sono stati effettuati sette arresti ecco alcuni degli episodi.
A Fuorigrotta un 53enne del posto –  già sottoposto alle misure dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla persona offesa – è stato sorpreso dai carabinieri della stazione di Pianura all’interno dell’abitazione della ex compagna in Via Giacomo Leopardi, in barba alle misure imposte dal tribunale.
A Frattaminore i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, stalking e revenge porn un 43enne del posto.
Il 43enne aveva diffuso sui social anche un video che ritraeva i 2 durante un momento di intimità. La vittima non sapeva di essere filmata e questo episodio l’ha messa con le spalle al muro. Non sapeva a chi rivolgersi e così ha chiesto aiuto ai carabinieri.
Altro episodio di violenza è avvenuto a Pozzuoli. I carabinieri della locale stazione hanno eseguito un provvedimento emesso dal Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura nei confronti di un 27enne. L’uomo è ritenuto responsabile dei reati di violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti dell’ex fidanzata. La donna ha avuto la forza di denunciarlo e per lui sono scattate le manette.
A Soccavo i carabinieri della stazione di Rione Traiano hanno arrestato 2 giorni fa un 32enne del posto. L’arresto – in forza a un provvedimento emesso dal tribunale di Napoli – è scattato perché l’uomo non aveva rispettato il divieto di avvicinamento alla vittima.
Sempre due giorni fa i carabinieri della stazione Napoli Borgoloreto hanno arrestato su disposizione del tribunale di Napoli un altro marito violento di 46 anni.
E’ sempre alta la guardia e l’impegno delle donne e degli uomini del Comando Provinciale di Napoli per essere vicini alle vittime. Pronti a fornirle tutto l’aiuto e il supporto possibile grazie anche ai centri anti-violenza presenti sul territorio.

Pubblicità'

Le Notizie più lette