Seguici sui Social

Calcio

Maradona: le lacrime della figlia Dalma e l’omaggio del Boca

PUBBLICITA

Pubblicato

il



La Bombonera nel ricordo di Diego Armando Maradona. E’ stato un omaggio commovente quello che nella notte il Boca Juniors ha tributato al ‘Pibe de oro’ davanti alla figlia Dalma in lacrime seduta con il marito nello stadio di Buenos Aires proprio nel palco dove era solito stare Diego. La partita tra il Boca, squadra del cuore di Maradona in cui ha giocato nella stagione 1981-82 e tra il 1995 ed il 1997, e il Newell’s Old Boys ha visto la squadra delle ‘xeneizes’ indossare una maglia commemorativa con la scritta ‘Maradona’. L’incontro, finito 2-0 per il Boca grazie a una doppietta di Cardona, ha visto l’omaggio dell’intera squadra che è andata sotto il palco a omaggiare la figlia Dalma. Tanti i momenti toccanti dell’incontro, a partire dal minuto di silenzio in apertura con i calciatori stretti a centrocampo davanti a un grande telone con l’immagine di Maradona e la scritta: ‘Diego Eterno’, l’anno di nascita 1960 e il segno dell’infinito. In tribuna la curva della Bombonera, priva di pubblico per le restrizioni legate al Covid, era ricoperta dalla scritta ‘gracias’. Prima del fischio d’inizio sono state diffuse le note della canzone ‘La mano de Dios’ di Rodrigo Bueno composta per ricordare il celebre gol di mano di Maradona all’Inghilterra nei quarti di finale del Mondiale del 1986.

LEGGI ANCHE  Villas Boas, Marsiglia: 'Milik? Siamo interessati ma è difficile'

 


Continua a leggere
Pubblicità

Calcio Napoli

Meret: ‘E’ bello essere un calciatore del Napoli’

Pubblicato

il

Il portiere del Napoli, Alex Meret ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli

“Spero in un 20121 più positivo come squadra e il ritorno dei tifosi allo stadio molto importanti per noi, continuità non guasterebbe. Sono contento del percorso che sto facendo. Il gol Babayoko a Udine è stato importantissimo perché ci ha permesso di ritrovare la vittoria e per ripartire al meglio in campionato e trovare la continuità. Aver perso calciatori importanti per un periodo è stato sicuramente un danno ma ora li stiamo recuperando e andiamo avanti. Non esistono gare facili in Italia e anche contro l’Empoli abbiamo creato tanto, loro hanno trovato due bellissimi gol. Sul primo ero coperto dai miei compagni. Certi i miracoli si possono fare sempre”.

L’estremo difensore del Napoli intervistato dal direttore Walter De Maggio ha anche parlato del pranzo di ieri di tutta la squadra in un ristorante di Ercolano.  “E’ stata una bella occasione- ha detto- per stare insieme e da oggi abbiamo subito ripreso a lavorare. E’ un momento complicato e adattarci alla situazione che stiamo vivendo perché non non c’è molto tempo per recuperare e preparare al meglio la gara successiva. Contro la Fiorentina faremo sempre il nostro gioco anche se ha calciatori di qualità. Nella fase offensiva- ha spiegato Meret- dobbiamo essere più cattivi sotto porta. Involuzione dopo la sconfitta con l’Inter? E’ stata immeritata, abbiamo fatto una grande partita così come contro lo Spezia.  Contro la Juventus sarà una grandissima sfida, ma noi daremo di tutto per dare un’altra gioia ai nostri tifosi. Vincere con continuità ti dà molta fiducia e noi la dobbiamo ritrovare dopo le ultime gare. Giocare senza pubblico è molto triste e non avere i tifosi allo stadio fa un effetto negativo. Speriamo che tornino presto. L’affetto dei tifosi del Napoli è particolare- ha concluso- e fa grande piacere ed è bello essere un calciatore del Napoli. Le critiche? Bisogna vivere le situazioni belle e brutte con equilibrio e concentrarsi sul lavoro. Italia? Ha fatto molto bene negli ultimi due anni e agli Europei possiamo dire la nostra”.

LEGGI ANCHE  'La ragazza col Genio in quarantena', libro di Marianna Bonavolontà
Continua a leggere

Le Notizie più lette