Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

L’Asl Napoli1 assume 40 anestesisti neolaureati

Pubblicità'

Pubblicato

il

L'Asl Napoli1 assume 40 anestesisti neolaureati


Pubblicità'

L’Asl Napoli1 assume 40 anestesisti neolaureati. Il dg Ciro Verdoliva: “Aspettiamo la risposta dei pensionati, vediamo che contributo”.

 

L’Asl Napoli1 sta lavorando su due fronti per arruolare anestesisti, indispensabili per le terapie intensive covid19. “Mercoledi’ pubblichiamo sul burc il bando per un contratto di sei mesi piu’ sei mesi a 40 anestesisti. Il bando e’ aperto anche agli specializzando che stanno per laurearsi, infatti possono partecipare anche coloro che concludono la specializzazione a novembre”, ha spiegato, Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli 1.

“Inoltre aspettiamo risposte al nostro appello per gli anestesisti in pensione – afferma – in questo caso non c’e’ un bando ma un appello. Chi voglia dare il suo contributo puo’ candidarsi scrivendo a dir.generale@aslnapoli1centro.it. Ci siederemo, valuteremo quello che possono darci, alcuni dicono che potrebbero sostituire i colleghi nelle sale operatorie non covid liberando i piu’ giovani per i reparti covid. Bene, sediamoci e discutiamone”.

Verdoliva spiega che un bando sara’ lanciato anche “per l’assunzione a tempo determinato di venti specialisti di igiene e medicina preventiva, anche questa aperta ai giovani che stanno finendo l’universita’ a novembre”. L’Asl ha intanto assunto trenta tecnici esperti in materia di sicurezza del lavoro che andranno nei dipartimenti per la verifiche e le norme sull’abbattimento del rischio contagio.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Violano la Zona Rossa: 4 giovani casertani fermati e denunciati in provincia di Frosinone

Pubblicato

il

casertani denunciati
foto carabinieri

Nel comune di San Vittore del Lazio, i militari della Stazione di Acquafondata in provincia di Frosinone, nel transitare nei pressi di un bar posto nei pressi del locale casello autostradale, notavano che all’esterno si trovavano 4 giovani intenti a discutere tra loro.

Nel corso della loro identificazione, emergeva che tutti erano residenti in comuni dell’alto casertano e quindi soggetti alle limitazioni previste dalla cosiddetta “zona rossa”.

I carabinieri hanno constatato, quindi, che i 4 giovani avevano violato la zona rossa senza comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità dai paesi di residenza.
Gli stessi sono stati identificati e sanzionati con le ammende previste dal DPCM in vigore.

Pubblicità'

Le Notizie più lette