Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Furti in casa in Campania: trend in calo, ma numeri ancora alti

Pubblicato

il

furti in casa in campania


I furti domestici sono senz’altro tra i più temuti, vedere svaligiata la propria abitazione, infatti, è un qualcosa di fortemente spiacevole per chiunque, e il numero di tali reati risulta essere in calo in Campania.

Questo trend è sicuramente positivo, ma non è il caso di esultare oltremodo: le statistiche continuano ad essere non indifferenti ed è necessaria un’inversione di tendenza ancora più netta.

Anzitutto, è interessante sottolineare che le statistiche di riferimento sono state presentate dall’Istat, il noto istituto statistico nazionale, in un documento ufficiale pubblicato sul proprio sito e consultabile a questo link.

I dati a livello nazionale

Prendendo in analisi, appunto, i furti domestici, si nota subito come il trend sia in calo anche a livello nazionale: nel primo anno per il quale Istat propone delle statistiche, infatti, si sono registrati 255.886 furti domestici, nel 2015 si è scesi a quota 234.726, l’anno successivo a 214.053.

Nel 2017 e nel 2018 si è scesi sotto la soglia dei 200.000, esattamente con 195.824 reati nel 2017 e 191.374 nel 2018, c’è ora grande attesa per i dati relativi al 2019 che Istat deve ancora rendere noti.

Le statistiche della Campania

Considerando il quinquennio compreso tra i 2014 e il 2018, la situazione della Campania risulta essere leggermente differente rispetto a quella nazionale: questi reati sono in diminuzione, è vero, ma l’andamento non è stato costante.

Nello specifico, nel 2014 si sono contati 10.007 furti di questo tipo sul territorio regionale, cifra che nei due anni successivi è salita, in controtendenza rispetto all’andamento nazionale, toccando quota 10.239 nel 2015 e 10.590 nel 2016.

L’auspicata inversione di tendenza si è avuta solo nel 2017, quando i furti domestici sono stati 9.580, scendendo, se pur di poco, anche nel 2018, con 9.532 episodi.

Trend positivo, ma cifre ancora alte

Come si diceva, sembra che ci si sia incanalati verso la strada più giusta, ma non si può trascurare il fatto che la quantità di questi reati sia ancora altissima e che occorra quindi un’inversione di tendenza più marcata.

D’altronde, non bisogna dimenticare che Istat fa riferimento agli episodi per cui le vittime hanno regolarmente sporto denuncia, di conseguenza il reale numero di questi reati potrebbe in realtà essere superiore, in Campania proprio come nell’intera Italia.

L’auspicio, dunque, non può che essere quello di una maggiore sicurezza, e parallelamente alla sicurezza di carattere generale, che ovviamente compete alle Forze dell’Ordine, alle amministrazioni locali e a tutte le Autorità, ma anche i cittadini devono metterci del proprio proteggendo al meglio la propria casa.

Come migliorare la sicurezza dell’abitazione

Basta prestare attenzione agli aspetti basilari per evitare di ritrovarsi delle brutte sorprese: rivolgersi a una ditta specializzata in porte blindate Napoli come Ariete Porte Blindate è indispensabile per mettere in sicurezza l’ingresso principale, ma anche finestre e portefinestre meritano attenzione ed è quindi indispensabile scegliere dei serramenti di qualità, soprattutto se l’abitazione è ubicata a pian terreno.

La sicurezza della propria casa, ovviamente, può essere ottimizzata ulteriormente facendo ricorso alla tecnologia: si possono installare delle videocamere di sorveglianza, ad esempio, e cosa dire dei sistemi antifurto, che oggi possono essere scelti in tantissime varianti in grado di garantire risultati notevoli a fronte di un costo decisamente accessibile.


PUBBLICITA

Cronaca

Positivo al covid e in isolamento: trovato in tangenziale a Napoli: denunciato

Pubblicato

il

positivo al covid

Positivo al covid ed in isolamento fiduciario, viola il divieto per portare una tanica di carburante alla convivente in panne sulla Tangenziale: denunciato un 45enne.

 

Ieri sera gli agenti della Sezione Polizia Stradale di Napoli, in prossimità del Km 7 della Tangenziale di Napoli direzione Pozzuoli, hanno intercettato un’auto con a bordo la sola conducente ferma tra la seconda corsia di marcia e la banchina laterale poiché priva di carburante.

I poliziotti hanno accertato che la conducente era priva della patente di guida in quanto mai conseguita, inoltre, la donna ha dichiarato di essere in attesa del proprio compagno che le stava portando il carburante necessario per riprendere la marcia.

Poco dopo è sopraggiunto un 45enne di Volla e gli agenti hanno accertato che nei suoi riguardi pendeva un provvedimento restrittivo sanitario poiché positivo al covid.

Per tale motivo, il 45enne è stato denunciato per violazione dell’isolamento obbligatorio mentre la donna è stata sanzionata per le violazioni del Codice della Strada.

Continua a leggere

Le Notizie più lette