Seguici sui Social

Benevento e Provincia

Covid, altri tre decessi nell’ospedale di Benevento: salgono i ricoveri

PUBBLICITA

Pubblicato

il



Tre persone hanno perso la vita nelle ultime ore nel padiglione Santa Teresa dell’ospedale Rummo di Benevento.

Un 86enne di Benevento, un 84enne di Salerno e un75enne di Caserta erano ricoverati in terapia intensiva e nelle ultime ore si sono aggravati irreversibilmente. L’elenco delle vittime in provincia di Benevento arriva cosi’ a 76 dall’inizio della pandemia. L’ospedale cittadino fa registrare oggi un aumento di ricoveri, con 12 nuovi pazienti che portano a 96 il numero di ricoverati, 6 dei quali in terapia intensiva e 14 in sub intensiva.

LEGGI ANCHE  In due mesi nove rapine: arrestato minorenne figlio di un boss del clan Di Lauro

L’ospedale Rummo attualmente ospita 22 pazienti di altre province ed e’ in costante aumento il ricovero di pazienti sanniti, che fino a poco tempo fa era un numero molto contenuto.


Continua a leggere
Pubblicità

Benevento e Provincia

Abusi sessuali su nipote minorenne: arrestato 60enne in provincia di Benevento

Con l’accusa di aver abusato della nipote minore è stato arrestato un 60enne della provincia di Benevento.

Pubblicato

il

foto dal web

Abusi sessuali su nipote minorenne: arrestato 60enne in provincia di Benevento

Con l’accusa di aver abusato della nipote minore è stato arrestato un 60enne della provincia di Benevento. Gli agenti della Squadra mobile della Questura sannita, coordinati dai magistrati della locale procura, hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale pluriaggravata in danno della giovane, minore di 16 anni. Le indagini hanno consentito di accertare che, da giugno 2016 a novembre 2018, l’indagato avrebbe fatto sottoposto la ragazzina a una serie di abusi sessuali.

LEGGI ANCHE  In due mesi nove rapine: arrestato minorenne figlio di un boss del clan Di Lauro

Ad avvalorare il compendio probatorio i racconti della madre della minore e di altre persone informate sui fatti, il tutto riscontrato dall’esito dell’incidente probatorio del febbraio scorso. In seguito alle violenze subite nella giovane vittima si è sviluppata una sindrome da stress post traumatico che l’aveva portata ad avere incubi notturni e crisi respiratorie, arrivando ad autoinfliggersi lesioni corporali procurandosi una serie di ferite, disturbo accertato in sede di indagini preliminari da un consulente tecnico nominato dal pm.

Continua a leggere

Le Notizie più lette