Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

Coronavirus, oltre 50 milioni di casi e 1,25 milioni di morti nel mondo

Pubblicità'

Pubblicato

il

oltre 50 milioni di casi,coronavirus


Pubblicità'

Coronavirus, oltre 50 milioni di casi e 1,25 milioni di morti nel mondo.

 

Sono più di 50 milioni i casi di coronavirus in tutto il mondo, 50.376.020, e i decessi dall’inizio della pandemia sono 1.255.803. Secondo il bilancio stilato dalla Afp, gli Stati uniti sono al primo posto e hanno superato i 10 milioni di casi. Il Paese è passato in appena dieci giorni da nove a 10 milioni di infezioni confermate. I decessi sono 238.053. Dopo gli Usa segue il brasile con 162.628 morti, l’India 126.611, il Messico 95.027 e il Regno Unito 49.044.

Il nuovo coronavirus continua a espandersi a macchia d’olio per i cinque continenti e questa mattina il contatore dei contagi globali ha superato quota 50,9 milioni mentre quello dei decessi è salito a oltre un milione e 263mila. Gli Stati Uniti restano il paese più colpito con oltre dieci milioni di positività totali, per la precisione 10.110.552 secondo la Johns Hopkins University. I decessi negli Usa sono ormai saliti a 238.251. E il trend, negli States, non accenna a diminuire come dimostrano gli ultimi dati, relativi alla giornata di ieri, secondo i quali 745 nuovi decessi di coronavirus e 130.553 nuovi casi (il record di sempre) sono stati segnalati nell’arco delle 24 ore. Nell’ultima settimana, rileva il database del Nyt, si sono verificati in media 116.448 casi al giorno, con un aumento vertiginoso del 64% rispetto alla media delle due settimane precedenti. Negli Stati Uniti le infezioni stanno costantemente aumentando ormai da settimane. I rapporti settimanali dei contagi totali hanno raggiunto livelli record in più della metà del paese all’inizio di novembre e le curve dell’epidemia segnano un aumento costante delle positività che non dà spazio alla speranza.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Controlli per droga e alcol alla guida: parte la campagna della polizia stradale ‘Alcohol and drugs’

Pubblicato

il

campagna polizia stradale

Campagna della polizia stradale per il controllo del consumo di alcol e droga alla guida in Campania e Basilicata.

Il Network Europeo delle Polizie Stradali “Roadpol – European Roads Policing Network” ha programmato nel periodo dal 7 al 13 dicembre 2020 l’effettuazione della campagna europea congiunta denominata “Alcohol and Drugs” (Alcool e Droga). Roadpol è una rete di cooperazione tra le Polizie Stradali, nata sotto l’egida dell’Unione Europea, alla quale aderiscono tutti i Paesi Membri, tranne la Grecia e la Slovacchia, oltre alla Svizzera, la Serbia, la Turchia ed in qualità di osservatore la Polizia dell’Emirato di Dubai (Emirati Arabi Uniti). L’Italia rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del Ministero dell’Interno, ricopre la presidenza onoraria.

L’Organizzazione sviluppa una cooperazione operativa tra le Polizie Stradali con l’obiettivo di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali, in adesione al Piano d’Azione Europeo 2011-2020, attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne “tematiche” in tutta Europa, all’interno di specifiche aree strategiche. L’obiettivo ultimo è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo Roadpol. Lo scopo della campagna “Alcohol and Drugs” è di effettuare controlli per l’accertamento della guida in stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.

Perciò il Compartimento Polizia Stradale per la Campania e la Basilicata ha predisposto sull’intero territorio di propria competenza, mirati controlli con precursori ed etilometri, con particolare attenzione anche ai conducenti di veicoli pesanti e commerciali.

Pubblicità'

Le Notizie più lette