Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Attualità

Attacco terroristico a Vienna: 7 morti e diversi feriti

Tra le vittime anche un poliziotto e l’attentatore

Pubblicato

il

Attacco terroristico a Vienna


Attacco terroristico a Vienna: 7 morti e diversi feriti. L’assalto vicino alla sinagoga Almeno 6 gli obiettivi nel mirino dei terroristi.

 

Ore di terrore nel cuore della capitale austriaca: prima la notizia di una sparatoria e di una maxi operazione delle forze speciali nel quartiere ebraico, con la sinagoga di Vienna quale possibile obiettivo terroristico. Poi l’intensificarsi della paura con la presenza di piu’ attentatori e almeno 6 target nel mirino. Con il ministro dell’interno che ha parlato senza esitazione di attacco terroristico. Dopo Parigi e Lione, anche Vienna e’ finita cosi’ sotto attacco. “Si e’ trattato apparentemente di un attentato terroristico” , compiuto da piu’ persone, ha dichiarato il ministro degli interni austriaco Karl Nehammer poco dopo che, in serata, una serie di sparatorie – testimoni riferiscono di almeno 50 colpi d’arma da fuoco – ed un’esplosione sono avvenute nel centro della capitale austriaca, in diverse zone nei pressi della sinagoga di Seitenstettengasse.

Il bilancio dell’attacco sarebbe di sette morti, tra cui anche un poliziotto e diverse persone rimaste ferite. Tra le vittime, ha riferito il ministero degli Interni, ci sarebbe anche un attentatore che, secondo alcune informazioni non ancora confermate, si sarebbe fatto esplodere. Un altro autore dell’azione si sarebbe invece dato alla fuga e per cercarlo e’ partita una caccia all’uomo in ogni angolo di Vienna. Le notizie, frammentarie con un’operazione che si e’ protratta per ore, hanno riferito anche di un arresto. Un poliziotto versa in gravi condizioni dopo essere stato colpito durante la sparatoria vicino alla sinagoga. Il colpo sarebbe stato esploso da uno degli attentatori da un’arma da fuoco “a canna lunga”, come comunicato dal ministero degli interni.

Fin dai primi momenti dopo le sparatorie elicotteri della polizia hanno cominciato a sorvolare l’area intorno alla sinagoga che e’ stata subito recintata. Ed e’ scattata una imponente operazione delle forze speciali che in tarda serata era ancora in corso. Nehammer ha rivolto ai viennesi un appello: “restate a casa”. Anche la comunita’ ebraica ha invitato a non lasciare le proprie abitazioni e a non indossare la kippah. Secondo alcuni media ci sarebbe stata anche una possibile presa di ostaggi, notizia che pero’ non trovava conferma in serata dall’agenzia Apa.

Sui social, per tutta la sera, si sono rincorse ricostruzione di quanto accaduto rese possibili da tante testimonianze e video pubblicati da cittadini che si trovavano nell’area presa di mira dai terroristi. Con foto e alcuni video, girati dalle finestre degli edifici affacciati sulla sena dell’attacco che hanno mostrato, ancora una volta, il terrore nel cuore dell’Europa.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Coronavirus, 28352 nuovi casi in Italia e 827 vittime: record di guariti

Pubblicato

il

coronavirus italia

Sono 28.352 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo riporta il bollettino del ministero della Salute. Le vittime sono 827. Gli attualmente positivi scendono di 7.952 unita’, mentre i guariti o dimessi sono 35.467. Sono 7.952 gli attuali positivi in meno al Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. Il totale è di 787.893 dall’inizio della pandemia.

Scende il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva: 3782 (-64 rispetto a ieri).
I tamponi per il coronavirus sono aumentati nelle ultime 24 ore di 232.711. Lo rende noto il ministero della Salute. Ad oggi sono 21.188.898 i tamponi effettuati, 12.623.390 i singoli casi testati. Ieri i tamponi erano aumentati di 222.803 raggiungendo quota Tamponi: 21.411.701.
Sono 35.647 i guariti in Italia dal Coronavirus nelle ultime 24 ore. Il dato supera di oltre 12mila unità quello dei nuovi contagiati. Il totale dei dimessi e dei guariti è di 696.647.

La regione con piu’ casi è sempre la Lombardia (+5.389), seguita da Veneto (+3.418), Piemonte (+3.149), Campania (+2.924), Lazio (+2.276) ed Emilia Romagna (+2.165). Il totale dei contagi dall’inizio dell’epidemia, che ha superato ieri il milione e mezzo, si attesta a 1.538.217. In forte crescita i guariti, 35.467 (ieri 24.031), che superano nettamente i nuovi casi odierni. Per questo il numero degli attualmente positivi vira in negativo, -7.952 (ieri +4.148), per un totale di 787.893. Di questi, sono in isolamento domiciliare 750.427 pazienti, 7.534 meno di ieri.

Continua a leggere

Coronavirus

Conclusa l’indagine sulla maxi fornitura di mascherine in Lombardia: nei guai due imprenditori

Pubblicato

il

fornitura mascherine

Milano. La Procura di Milano ha concluso le indagini su una maxi fornitura di mascherine per 7 milioni di euro pagati da Aria Spa, la centrale acquisti della Lombardia, a due imprenditori che nel pieno della prima ondata di pandemia avrebbero dovuto rifornire la regione con mascherine, tute e dispositivi di protezione individuale.
É indagato per fronde in pubbliche forniture l’imprenditore Fabio Rosati, titolare della Fitolux Pro srl, una piccola azienda di Castiglione del Lago (Perugia) che si occupa di di commercio di prodotti fitoterapici, integratori e articoli medicali che a febbraio, quando ha ricevuto l’ordine da parte di Aria, non disponeva delle mascherine richieste non aveva modo di procurarle nei tempi richiesti. Stessa ipotesi di reato anche per Alessandra Moglia, amministratrice di Vivendo Pharma Gmbh. A segnalare la mancata consegna del materiale ordinato con procedura d’urgenza (senza gara d’appalto) è stata la stessa Aria, che aveva già fatto i bonifici alle due società nella speranza di vedersi recapitare 2 milioni di mascherine in 24 ore, come hanno raccontato gli stessi imprenditori. A fronte della mancata consegna, gli uomini della Guardia di Finanza coordinati dal pm milanese Luigi Luzi hanno recuperato le somme arrivate sui conti degli imprenditori in tempi ridottissimi. Il titolare della Fitolux Rosati, difeso dall’avvocato Andrea Morini, ha spiegato che era già sul punto di restituire quel denaro pubblico, sapendo che non sarebbe stato in grado di consegnare il materiale richiesto nei tempi indicati.

Continua a leggere

Le Notizie più lette