Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Napoli e Provincia

Pozzuoli, dipendente positivo: il sindaco chiude il Comune per 15 giorni. Casi in aumento

Pubblicato

in

coronavirus comune pozzuoli


Pozzuoli, dipendente positivo: il sindaco chiude il Comune per 15 giorni. Casi in aumento.

 

Il sindaco, , chiude di nuovo al pubblico la sede centrale del comune in via Tito Livio al Rione Toiano, in via precauzionale. E’ risultato positivo al coronavirus un dipendente in servizio presso il corpo di guardia.

“Ho disposto, in via precauzionale, la chiusura al pubblico della sede centrale del Municipio di via Tito Livio 4 al Rione Toiano”. Ha scritto il primo cittadino sulla sua pagina Facebook. E poi ha aggiunto: “È risultato positivo al covid-19 un nostro dipendente in servizio presso il corpo di guardia.Il provvedimento resterà in vigore fino a venerdì 23 ottobre e riguarderà tutti gli uffici presenti all’interno del complesso municipale, ad eccezione dell’Ufficio Protocollo e dell’Ufficio ricezione atti giudiziari, che invece resteranno chiusi solo fino a venerdì 16 ottobre.
L’accesso alla casa comunale sarà consentito quindi solo ai dipendenti, agli assessori e ai consiglieri comunali, ai dirigenti ed al Segretario Generale. È già in corso, intanto, la sanificazione di tutti gli uffici presenti nella sede municipale di via Tito Livio 4.
Intanto l’ASL mi ha comunicato i dati di oggi.
Sono DIECI i nostri concittadini risultati positivi al test ed UNA persona è guarita.
Restiamo vigili ed attenti con i nostri comportamenti, in attesa delle eventuali nuove misure da adottare previste dal prossimo DPCM.
Sono 315 in tutto gli abitanti della nostra città che hanno contratto il coronavirus dall’inizio dell’epidemia.
-151 persone sono attualmente contagiate
-151 persone sono guarite definitivamente
– 13persone sono decedute

 

Continua a leggere
Pubblicità

Napoli e Provincia

 A San Giorgio attivo il drive in in via Marconi grazie alla sinergia tra pubblico e privato

Pubblicato

in

san giorgio covid drive in

San Giorgio. E’ operativo da questa mattina il drive-in per la somministrazione dei tamponi rino-faringei. La struttura, trovata dal Sindaco Giorgio Zinno, grazie alla sinergia con i privati, si trova in via Marconi 16, di fronte alla sede della Asl, ed è stato allestito in una struttura concessa in comodato d’uso dalla famiglia Fico che ne è proprietaria.

Al drive in potranno accedere i cittadini residenti a San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio e saranno sottoposti al test direttamente dalla propria auto. Naturalmente potranno effettuare il tampone solo coloro che sono stati autorizzati dalla Asl tramite la piattaforma dedicata con appuntamento prestabilito.

La struttura in via Marconi è un luogo strategico anche dal punto di vista  logistico perchè consente alle auto di entrare e attendere il proprio turno, senza creare criticità.  I volontari di Protezione Civile sono impegnati a supporto dell’organizzazione per gestire il flusso di auto e garantire la massima sicurezza.

“La Asl cercava da tempo dei locali idonei per realizzare un drive in anche nella nostra città – spiega il sindaco Giorgio Zinnosnellendo così la mole di persone che finora potevano recarsi solo a San Sebastiano al Vesuvio. Grazie alla disponibilità dei privati siamo riusciti a trovare una struttura adeguata e la direttrice del distretto 54 della Asl Na3 Sud, Dott.ssa Maria Teresa Stocchetti, si è subito impegnata per renderlo immediatamente operativo”.     

Intanto il Primo Cittadino segue con costanza l’evolversi delle situazione e, anche attraverso dirette Fb, continua a tenere aggiornati i cittadini nella massima trasparenza, sul numero di contagi e sulle misure per contenere il contagio.

“Stiamo facendo tutti un grande sforzoconclude Zinno –  per intervenire con efficacia ed attuare tutte le misure finalizzate a dare sicurezza ai cittadini e a  ridurre i tempi di attesa senza disperdere il sistema di tracciamento capillare avviato dall’ASL. Per uscire da questa emergenza dobbiamo però tutti noi osservare rigorosamente i protocolli, rispettare le ordinanze, uscire solo quando è necessario e comportarci con la massima responsabilità. “

Continua a leggere

Le Notizie più lette