Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

Polemiche sull’ipotesi di chiusura di Rai Sport

Pubblicato

in

chiusura rai sport


Rai Sport, e’ polemica su ipotesi chiusura. Il Cdr chiede smentita, proposta al cda sarebbe canale non testata.

 

– Nessuna decisione ancora ma “solo ipotesi di lavoro” quelle presentate giovedi’ scorso nel CdA Rai che andranno votate nelle prossime settimane. In particolare, in merito a Rai Sport, sarebbe stata proposta la chiusura del canale e non della testata, in coerenza con il piano industriale basato sui generi, volto essenzialmente alla razionalizzazione, obiettivo che puo’ essere conseguito prescindendo, come avviene ad esempio per altri generi come fiction e intrattenimento, dalla corrispondenza tra generi e canali.

Sulla vicenda della presunta chiusura di Rai Sport su cui si e’ scatenata polemica e soprattutto proteste da parte del cdr che in due lettere inviate al direttore Auro Bulgarelli e all’ad Rai Fabrizio Salini ha chiesto chiarezza e smentita delle voci dopo che il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi aveva chiesto l’intervento del presidente della Vigilanza Alberto Barachini. La chiusura di Rai Sport, come pure l’accorpamento di Rai 5 e Rai Storia e lo stop al canale in inglese, starebbero a significare, secondo Anzaldi, “una modifica unilaterale della Rai degli impegni presi con il Contratto di Servizio e la Concessione”. Il cdr di Rai Sport e il fiduciario di Milano di Rai Sport, d’intesa con l’Usigrai, hanno scritto al direttore Bulgarelli di intervenire con urgenza e sollecitare risposte dall’ad.

A Salini i rappresentati giornalistici della testata sportiva hanno chiesto di smentire le voci che “La notizia della chiusura se fosse confermata sarebbe di una gravita’ inaudita, anche perche’ arriverebbe pochi giorni dopo la scellerata decisione dell’Azienda di non presentare nemmeno un’offerta all’asta per i diritti della Champions League per il prossimo triennio”. Non in via ufficiale l’Ansa ha avuto conferma del progetto di “maggiore razionalizzazione” che consisterebbe nell’ utilizzare i contenuti sportivi con un’offerta piu’ variegata che andrebbe su Rai1 con i grandi eventi, su Rai2, rete che diventerebbe sempre piu’ a vocazione sport-intrattenimento, e su RaiPlay con la possibilita’ di presentare in modo piu’ funzionale e moderno le varie discipline di cui la Rai detiene i diritti.

Sempre in merito al capitolo diritti sportivi, nel corso del cda e’ stato affrontato anche il tema Champions per cui, vista la situazione economica e finanziaria, un’offerta e’ stata ritenuta fuori dalla portata. E’ stata invece gia’ prevista l’offerta per i Mondiali del 2022. In merito ad altre ipotesi al vaglio in Rai c’e’ quella di unificare i canali di Rai 5 e Rai Storia. Nel corso del cda e’ stata proposta la permanenza di Rai Movie e l’ipotesi che Rai Scuola, previsto dal piano industriale inizialmente sul web, potrebbe invece essere destinato a un riposizionamento sul ddt.

Pubblicità

Coronavirus

Coronavirus, morto ad Avellino turista francese sbarcato a Napoli

Pubblicato

in

ospedale moscati avellino

 E’ morto nel Covid Hospital dell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino il 78enne turista francese sbarcato da una crociera a Napoli e giunto al pronto soccorso dell’ospedale irpino a bordo di un’ambulanza lo scorso 14 ottobre.

Risultato positivo al coronavirus, il 78enne è stato ricoverato al Covid Hospital, dove il 16 ottobre è stato intubato. Grazie alla collaborazione di un mediatore culturale, la figlia dell’uomo, arrivata dalla Francia qualche giorno dopo il ricovero del padre, è stata puntualmente aggiornata sulle condizioni di salute del paziente.

Nel pomeriggio si è registrato anche un secondo decesso nel Covid Hospital del “Moscati” di Avellino: si tratta di una donna di 79 anni di Baiano (Avellino), giunta ieri al pronto soccorso. Già in sorveglianza sanitaria per positività al coronavirus, è stata ricoverata in terapia subintensiva.

Continua a leggere

Primo Piano

Nuovo record di casi covid in Italia: oggi 26.831 e 217 decessi

Pubblicato

in

coronavirus Italia 4

Nuovo record di casi covid in Italia. Oggi sono 26.831 i nuovi casi registrati (ieri erano 24.991), con il nuovo record di tamponi, 201.452 (meno di 3mila piu’ di ieri).

In aumento i decessi, 217 contro i 205 di ieri, per un totale di 38.122. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Ieri i nuovi casi erano stati 24.991 con 198.952 tamponi (indice tra nuovi casi e tamponi era del 12,56%), martedi’ 21.994 nuovi casi con 174.398 tamponi (indice al 12,6%) e lunedi’ 17.012 nuovi casi con 124.686 tamponi (indice al 13,6%). È quanto emerge dal quotidiano bollettino sul coronavirus emesso da Protezione civile e ministero della Salute.

Ancora un balzo dei pazienti in terapia intensiva per Covid-19 in Italia. Sono 115 in piu’ nelle ultime 24 ore (ieri l’aumento era stato di 125), secondo i dati del ministero della Salute, per un totale di 1.651 persone in rianimazione. Nei reparti ordinari ci sono ora 15.964 pazienti, con un incremento di 983 unita’. Gli attualmente positivi sono arrivati a 299.191, ben 22.734 piu’ di ieri. Di questi, 281.576 sono le persone in isolamento domiciliare. I guariti sono 279.282, in aumento di 3.878 rispetto a ieri.

La regione con piu’ casi e’ sempre la Lombardia, anche se in calo di circa 200 (+7.339), seguita da Campania (+3.103), Piemonte (+2.585), Veneto (+2.109), Lazio (+1.995) e Toscana (+1.966). Le uniche due regioni con una crescita a due cifre sono Basilicata (+86) e Molise (+94). Il totale dei contagiati dall’inizio dell’epidemia sale a 616.595.

In aumento i guariti, 3.878 contro i 3.416 di ieri, per un totale di 279.282, mentre il numero degli attualmente positivi si impenna (+22.734 contro +21.367 di ieri), arrivando a sfiorare i 300mila malati, per l’esattezza 299.191. Di questi, 281.576 sono in isolamento domiciliare, 21.636 piu’ di ieri. Infine, la percentuale di positivita’ sul totale dei tamponi sale oggi al 13,31%, contro il 12,56% di ieri.

Continua a leggere

Le Notizie più lette