Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Cronaca

Napoli, la tragedia di Posillipo: ‘Mio figlio era un puro’: il ricordo del papà

Pubblicato

il

Napoli la tragedia di Posillipo


Napoli, la tragedia di Posillipo: ‘Mio figlio era un puro’: il ricordo del papà durante il rito funebre.

Duemila persone per salutare il piccolo Giovanni, il bimbo di 11 anni morto a Napoli la notte tra il 28 e il 29 settembre lanciandosi nel vuoto dal bagno della sua casa all’undicesimo piano. I funerali nella basilica di Santa Chiara. In chiesa ci sono coetanei del bimbo, amici di scuola, e quelli del calcio. Nessuno avrebbe dovuto, a questa eta’, assistere all’ultimo saluto a un amichetto. Abbracciati alle mamme che li hanno accompagnati, composti in un dolore inspiegabile per la loro eta’. Due, al massimo tre persone in ogni banco, come impongono le misure anti covid, ma la chiesa – monumentale, al centro di Napoli – e’ piena. Ci sono i volontari della Basilica di Santa Chiara a chiedere di rispettare le distanze alle persone rimaste in piedi. “Il rispetto che dobbiamo a un bambino – ha detto, commuovendosi, durante l’omelia monsignor Vincenzo De Gregorio, che ha celebrato il rito insieme con Giovanni Paolo Bianco, parroco di Santa Chiara. Distanze di sicurezza e mascherine per un rito molto toccante. La bara bianca e’ entrata in chiesa accompagnata dall’Ave Maria suonata da un violino. Il parroco ha ricordato il bimbo.

“Ieri eravamo seduti sul lettino della sua stanza e i genitori mi hanno parlato di lui, delle sue passioni – ha detto dal pulpito – amava nuotare, sciare e giocare a calcio. Era curioso, aveva spirito critico ed era circondato da amore fino a quel momento, quando a mezzanotte ha detto alla sorellina che sarebbe andato in bagno a fare pipi’. Poi lo sgabello e il lancio nel vuoto senza ragioni”. Una forza e una compostezza rare in un momento cosi’ duro, quella dei genitori.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, la morte del piccolo Giovanni e il mistero sul cambio password di tablet e cellulare

“Io non so cosa e’ successo. Lui era un puro e penso che abbia pescato un pesce avvelenato ma mio figlio era un bambino felice. Lo era pochi attimi prima di compiere quel maledetto gesto – racconta il padre dal pulpito, esortando tutti a reagire a questa tragedia – abbiamo salutato il fratello che era fuori Napoli, era allegro, raccontava barzellette. Io non lo so cosa e’ successo. ‘e’ una indagine e speriamo che mai piu’ possa accadere qualcosa del genere. Mi è stato chiesto: cos’è successo? Non lo so, fino alla cena con noi era felice. Posso dire che mio figlio era un puro come tutti i bambini. Da questa disgrazia ho imparato che esiste l’imponderabile, dobbiamo imparare ad accettarlo.

La vita non si misura con la durata – ha aggiunto – ma con l’intensità. Ha avuto una vita intensa e gioiosa. Gli anni sono un luogo comune, tanti bambini non hanno avuto gli 11 anni di felicità come li ha avuti mio figlio e da uomo di fede dico che allora va bene così”. Il padre ha ricordato che “c’è chi sta indagando” sul suicidio del figlio, la Procura di Napoli che ha aperto un’indagine per istigazione al suicidio: “Ha avuto un tatto enorme fin dalla prima sera quando sono venuti a casa”. Il padre ha concluso dicendo: “Oggi è tempo di piangere e di cacciare fuori il dolore, ma da domani pensate tutti a lui sorridendo”.

Continua a leggere
Pubblicità

Benevento e Provincia

Appalti comunali “truccati”, perquisizioni delle Fiamme gialle del Casertano e la Valle Telesina

Pubblicato

il

appalti truccati

La Guardia di Finanza ha eseguito alcune perquisizioni presso abitazioni e uffici di sette persone, tra professionisti e dipendenti comunali, residenti in comuni del Casertano e della Valle Telesina, tutti indagati per turbativa d’asta nell’ambito di un’indagine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere

In azione i finanzieri della Tenenza di Piedimonte Matese, che hanno sequestrato computer, cellulari e documenti relativi a gare d’appalto espletate da comuni dell’Alto-Casertano, come Alvignano, Dragoni, e del Beneventano, come Melizzano, Paupisi. L’ipotesi è che le gare, relative a svariati settori, siano state “truccate”, anche se al momento non è contestato il reato di corruzione.

Continua a leggere

Avellino e Provincia

Acquistavano carburante nell’Est Europa per evadere le tasse: 8 arresti e sequestri

Pubblicato

il

carburante est europa

Gli uomini della Sezione Mobile del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria della Guardia di Finanza di Avellino hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nei confronti di 8 soggetti, e ad un decreto di sequestro preventivo per equivalente, per un ammontare complessivo pari ad euro 8.982.018,12.

I provvedimenti sono stati emessi dal GIP presso il Tribunale di Napoli Dott. Saverio Vertuccio, su richiesta del Sost. Proc. Dott. Sergio Raimondi della Procura partenopea, III Sezione Reati Finanziari.
L’attività investigativa, denominata operazione “Atterraggio Italia”, ha permesso di ricostruire una strutturata associazione a delinquere dedita all’emissione di fatture false. I componenti del sodalizio avevano costruito un sistema di frode “carosello” che prevedeva l’interposizione, nelle transazioni commerciali, di “società cartiere” che hanno consentito loro di evadere l’Iva per l’importo sopra indicato.
In questo modo, gli indagati potevano acquistare ingenti partite di carburante da rivenditori siti in Croazia e Slovenia ed, evitando il pagamento dell’imposta, vendevano il prodotto ai clienti finali a prezzi molto bassi. Questi ultimi, di conseguenza, riuscivano a praticare prezzi “alla pompa” fuori mercato.

Al termine delle indagini sono state accertate fatturazioni per operazioni soggettivamente inesistenti, nei confronti di 7 società riconducibili al sodalizio criminale disarticolato e 47 destinatarie dei prodotti, per un imponibile pari ad € 41.522.594,23 ed un’imposta IVA sottratta all’erario pari ad € 8.982.018,12.
Le indagini hanno portato alla luce investimenti effettuati in territorio rumeno nel campo immobiliare ed anche nel settore del commercio dei prodotti petroliferi. In particolare, sono stati accertati rilevanti interessi economici di due indagati a Cluj Napoca, principale città della Transilvania.
Infine, è stato appurato che tre dei soggetti indagati risultano tuttora percettori del reddito di cittadinanza. L’attività condotta dai finanzieri del Comando Provinciale di Avellino, evidenzia, ancora una volta, l’efficacia dell’attività di contrasto all’evasione fiscale, perpetrata dalle consorterie criminali.

Continua a leggere

Le Notizie più lette