Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cultura

‘La stagione del fango’ di Antonio Fusco al Circolo Nautico Posillipo

Pubblicato

in



“La stagione del fango”, il sesto di , giovedì 15 ottobre alle ore 18.00 presso il Circolo Nautico Posillipo

 

 

Giovedì 15 ottobre, con inizio alle 18, presso il Circolo Posillipo, l’Associazione Dies Artis presenta l’ultimo libro, La stagione del fango, di Antonio Fusco, edito da Giunti.

L’ultima fatica letteraria di Antonio Fusco è ambientata in parte proprio a Napoli, la città dove l’autore si è formato, prima di girovagare per lavoro per tutta l’Italia e di approdare dal 2000 in Toscana.
Al commissario Casabona, il protagonista dei gialli di Antonio Fusco, capiterà di dover affrontare una discesa all’Inferno che lo porterà proprio nel capoluogo partenopeo, dove cercherà di salvare se stesso e il suo onore di poliziotto.

Con Fusco, giovedì 15 ottobre, dialogherà il giornalista Luigi Vicinanza, dopo l’introduzione di Enrico Deuringer e gli indirizzi di saluto del Presidente del Sodalizio rossoverde Enzo Semeraro e del Consigliere agli eventi culturali Filippo Smaldone. Le letture saranno affidate a Sergio Savastano e l’accompagnamento musicale a Beniamino Di Lorenzo.
Il Circolo Nautico Posillipo e l’Associazione Dies Artis daranno vita, dunque, ad un evento culturale che rappresenta un’occasione per conoscere Fusco e la sua scrittura ma anche un modo per riportare l’autore nella sua città, dove è nato ed ha anche lavorato, e dove conta moltissimi affezionati lettori.
“Antonio Fusco ci regala ancora una volta un libro emozionante, un noir avvincente e coinvolgente – spiega Rosa Carillo Ambrosio, Presidente di Dies Artis: – e grazie alla sua scrittura asciutta e incisiva, ci porta a scoprire le rotte più oscure dell’animo umano. Questa volta c’è un colpo di scena Casabona è egli stesso vittima di trame e intrighi… in un crescendo di suspence che piacerà a tanti non solo agli appassionati di letteratura gialla!”
Antonio Fusco, nato nel 1964 a Napoli, è funzionario della Polizia di Stato e criminologo forense. Dal 2000 vive in Toscana, dove si occupa di indagini di polizia giudiziaria e attualmente ricopre il ruolo di capo della squadra mobile di Pistoia .

Come scrittore ha vinto vari premi tra cui il Premio Mariano Romiti, il Premio scrittore toscano e il Premio Garfagnana in giallo. Molte delle sue opere sono tradotte all’estero.

Continua a leggere
Pubblicità

Cultura

Cilento, Trentinara. Fattoria didattica gratutia: il sogno di Nicola Arpaia

Pubblicato

in

Il sogno di una fattoria didattica gratuita per adulti e bambini. La raccolta fondi avviata da Nicola Arpaia per il progetto sociale teso al recupero del legame inscindibile con la natura, coinvolgendo i giovani e restando al sud

 

 

«Fin da bambino coltivo il sogno di diventare un imprenditore agricolo e di dar vita ad una fattoria didattica per permettere a bambini e adulti, gratuitamente, di poter vivere un’esperienza a contatto diretto con l’ambiente naturale e gli animali. Un desiderio che ha iniziato a manifestarsi all’età di 14 anni, quando mio padre, all’inizio degli anni 2000, ha comprato un appezzamento di terreno a Trentinara, nel Cilento. Da quell’istante è nato il mio sogno, ovvero vivere in natura.

Così, poco più che adolescente, ho iniziato ad investire i miei primi risparmi in questo progetto, già dall’età di 18 anni fino ad oggi che ne ho 28. Ora però ho bisogno del vostro aiuto per realizzare concretamente il mio sogno e per far sì che questa idea cresca e che da un semplice appezzamento di terreno possa nascere una piccola impresa agricola, sviluppata su una visione rural ed ecosostenibile, che coniughi le metodologie arcaiche tramandate dalle antiche generazioni alle nuove metodologie dell’industria 4.0 e dell’innovazione, senza però perdere la sua vocazione originaria e identitaria. Perché fare agricoltura in Campania, ed in particolare nel Cilento, significa custodire un patrimonio prezioso di biodiversità, affinché non vada disperso dalla globalizzazione o dalla massificazione.

Agricoltura è cultura, è tradizione, è artigianalità: è il lavoro dell’uomo, che riesce a costruire valore attraverso le sue mani solcate dalla fatica. Fascino e fatica, ma anche nuova economia e sviluppo per le aree interne, che può allargarsi anche ad altri giovani come me: ben 6 ragazzi insieme a me, della mia stessa età, che avrebbero l’opportunità di non abbandonare il Meridione o l’Italia per un altro destino, per costruire share economy qui al Sud. Mantenere viva la tradizione e tramandarla ai più piccini, alle famiglie, alle giovani generazioni.

Vogliamo rimanere qui, vogliamo concretizzare qui il nostro sogno, con allevamenti di animali liberi al pascolo, con produzioni bio e laboratori artigianali per realizzare prodotti di nicchia con le antiche ricette. Abbiamo bisogno però del vostro sostegno.

Ho deciso di sfidare un sistema economico che presenta numerose criticità nel Mezzogiorno e di non farmi scoraggiare dal contesto socio-economico sfavorevole. Anzi, voglio rilanciare la mia idea e realizzare un progetto che faccia sentire completi e pienamente realizzati tutti coloro che, anche con pochi centesimi, ci sosterranno nella nostra impresa. Per questo abbiamo deciso di lanciare la nostra progettualità di crowdfunding, con una raccolta fondi per una start-up a cui tutti possono contribuire.

Abbiamo una struttura a disposizione di circa 500 metri quadri, il cui piano sottostante sarà destinato ai diversi laboratori artigianali, impostato sul concept “dal produttore al consumatore”, in un’ottica ecosostenibile, sviluppando il commercio di prossimità e valorizzando le nostre aree interne, che rischiano lo spopolamento, senza dimenticare il risvolto sociale, con la possibilità di occupare e di far lavorare coloro che vengono definiti “invisibili” dal governo. Uno spazio, inoltre, per bambini e famiglie, con fattoria didattica con animali e percorsi esperienziali con la riscoperta della coltivazione dell’orto. Stimolare, quindi, un nuovo stile di vita fondato sull’idea di vivere in natura, imparando a salvaguardarla, a rispettarla, incentivando forme di economia sostenibile e circolare.

Non so se ci riuscirò, ma sono sicuro che grazie a voi non mi sentirò più solo.

Aiutateci a farci restare e a continuare a sperare e credere nel nostro futuro, proprio qui a Sud, nella nostra Terra!»

Nicola Arpaia

PS. Tutte le donazioni superiori a 100€ riceveranno a casa una bottiglia di olio extravergine d’oliva di 1 litro prodotto dalle nostre piante nel Cilento.

Link donazioni: https://www.gofundme.com/f/fattoria-didattica-per-grandi-e-piccoli

Continua a leggere

Le Notizie più lette