Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

De Luca: ‘Oggi 1261 contagiati, prendere decisioni forti. le mezze misure sono inutili per evitare i morti’

Pubblicato

in



Oggi in Campania 1261 nuovi positivi su 14442 tamponi.

Lo ha detto il presidente della Regione Campania nel corso della sua diretta facebook. E poi ha spiegato: “Niente chiacchiere siamo nel pieno della seconda ondata dell’epidemia. I numeri di contagiati sono molto più grandi rispetto a marzo  e aprile ma con minore gravità del contagio. Molto asintomatici. Non ci deve illudere perché a mano a mano che ci avviciniamo all’inverno avremo un aggravamento della malattia. di fronte ai numeri del contagio le mezze misure non servono a niente prima prendiamo decisioni forti meglio è  non dobbiamo arrivare con l’acqua alla gola.

E’ ragionevole prendere oggi decisioni difficili. Da maggio in poi con l’apertura il contagio riguarda nella stessa maniera tutta Italia.La regione Campania è la più esposta visto che siamo quella con la maggiore  densità abitativa e quindi maggiore difficoltà ad avere distanziamento interpersonale. Ci impone di prendere prima degli altri decisioni più rigorose. Guai a noi se perdiamo il controllo sull’area metropolitana di Napoli che è il punto di maggiore criticità demografica di tutta Italia. L’obiettivo di tutela della salute è impedire che le persona perdano la vita.

Non è abbassare il numero dei contagi.Da questo puto di vista abbiamo avuto nei mesi scorsi risultati importanti. Ci sono 487 decessi: nelle altre regioni ad esempio il Veneto 2226 morti, in Emilia 4502, Piemonte 4187, Lombardia 17, 011. Noi dobbiamo fare di tutto per mantenere questo livello dei decessi per numero di abitanti. Fino ad ora abbiamo fatto un miracolo ma questa situazione rischia di essere rapidamente compromessa se non rispettiamo le regole. Ad oggi abbiamo già vaccinato 130mila persone per arrivare prima contenere il contagio e separare gli influenzati dai contagiati ed evitare di ingolfare gli ospedale. Le decisioni che prendiamo le prendiamo dopo aver parlato con tutti e lo facciamo nell’interesse delle nostre famiglie perché è nostro dovere farlo oggi. Perché le ricadute e i risultati si avranno tra due settimane.

Sulle scuole abbiamo valutato tutto. Noi abbiamo deciso di fare didattica a distanza per contenere l’onda di contagio. In questi casi vanno prese decisioni che ti aiutano a contenere il contagio. E’ l’insieme delle decisioni che porta ai risultati. Bisogna ridurre al massimo la mobilità sui mezzi di trasporti e gli assembramenti. Questa misura era una delle decisioni necessarie da prendere. Dobbiamo utilizzare queste due settimane per capire piano piano dove garantire la presenza e arricchire i piani di trasporto insieme alle società private, abbiamo già destinato 4 milioni di euro. E lunedì faremo una riunione per capire se tra 15 giorni riusciremo a garantire l’aumento delle corse. E ragionare anche con ingressi con orari differenziati.

Ci incontreremo con tutti in un clima di responsabilità e collaborazione. Per le attività commerciale prenderemo altre decisioni nelle prossime ore soprattutto per quelle che determinano assembramenti. Deve essere bloccata la movida. C’è una percentuale di irresponsabili che non capisce che è necessarie indossare sempre la mascherine e igienizzarsi le mani. Chiuderemo tutto alle 22 nell’ultimo fine settimana di ottobre. Soprattutto nel periodo di Halloween quando ci sarà anche un coprifuoco dalle 24. Sono vietate tutte le cerimonie, perché sono veicolo di contagio. In Campania più della metà dei contagi è dovuta a comportamenti incivili e irresponsabili. Noi dobbiamo cercare di tenere in piedi l’80% delle attività economiche della nostra regione”.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Morto di covid un uomo di 76 anni di Torre del Greco

Pubblicato

in

Morto di covid un uomo di 76 anni di Torre del Greco. E’ la ventiduesima vittima.

Ancora un morto da Covid-19 a Torre del Greco, il secondo relativo alla cosiddetta ”seconda ondata”. A comunicare il decesso e’ stato, in occasione del consueto aggiornamento dal Centro operativo comunale, il sindaco della citta’ vesuviana Giovanni Palomba, che fa sapere – attraverso una nota – che si tratta di un uomo di 76 anni. Al contempo il primo cittadino, sentite Asl Napoli 3 Sud e unita’ di crisi regionale, ha annunciato anche 22 nuovi casi di positivita’ al Coronavirus, uno dei quali ospedalizzato; l’aggravamento di un soggetto risultato contagiato nei giorni scorsi e costretto al ricovero presso un Covid Center regionale; l’avvenuta guarigione di undici persone in precedenza risultate positive.

Questo il bollettino:
Undici nuove guarigioni sono state registrate, nella giornata odierna, a Torre del Greco.
Certificati anche 22 ulteriori casi di positività al COVID- 19, di cui 1 ospedalizzato e i restanti 21 in forma asintomatica.
Attestato, inoltre, il passaggio – di un soggetto positivo – dall’isolamento domiciliare, al regime ospedaliero, e, il contestuale cambiamento di provincia di un altro cittadino positivo.
Accertato anche un decesso.
Si tratta di A. F., classe 1944.
È quanto comunicato dal Centro Operativo Comunale – dopo il consueto aggiornamento serale con i Responsabili sanitari dell’​ASL Na3 Sud​ e con l’​Unità di Crisi Regionale – che conferma l’isolamento domiciliare per i ventuno soggetti asintomatici.
Continua, così, a mutare il bilancio della​ duecentoventottesima giornata consecutiva di attività del ​ C.O.C.:​
Totale ospedalizzati:​ 8;
Totale in isolamento domiciliare:​ 300;
Totale guariti dal COVID 172;
Totale decessi:​ 22;
Totale tamponi giornalieri: 200 (178 Negativi; 22 Positivi).
Prosegue, nel frattempo, l’ulteriore attività di screening ​ dei tamponi di già praticati sul territorio comunale e ancora al vaglio delle indagini di laboratorio.
Istituito, inoltre, dall’ ASL, un ulteriore numero verde al quale è possibile rivolgersi – tutti i giorni – dalle ore 8.00 alle ore 20.00: 800936630.
Il C.O.C. precisa, altresì – ai fini di una più agevole ed immediata comunicazione con i cittadini – che coloro ai quali è stato praticato il tampone e che restano, al momento, in attesa di conoscerne l’esito possono – nel pieno rispetto e tutela della privacy – rivolgersi al numero telefonico 0818830736
reperibile tutti i giorni dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.30 e dalle ore 14.00 alle ore 15.45.
Istituito anche un secondo numero di linea: 0818497030 reperibile nei medesimi giorni ed orari.

Continua a leggere

Coronavirus

A Casoria 570 positivi e il sindaco dice ai cittadini: ‘Uscite solo se necessario’

Pubblicato

in

Continua a crescere senza freni il contagio da covid-19 a Casoria. L’ultimo bollettino parla di 570 contagiati con 4 deceduti e 132 guariti.

 

Il sindaco Raffaele Bene ha lanciato un appello attraverso la sua pagina facebook: “Siamo soli. Faccio un appello al governo che sia vicino alle istituzioni locali. Se chiusura ci deve essere la soluzione deve essere accompagnata da aiuti di natura economica. Ai cittadini di Casoria rivolgo un appello alla responsabilità perché non tutti rispettano le regola. Cercate di uscire solo se necessario. I contagiati crescono, La curva cresce sempre di più ma il sistema sanitario è al collasso. Con posti per i ricoverati che diventano sempre di meno. E’ un momento difficile serve buon senso e responsabilità da parte di tutti”

Continua a leggere

Le Notizie più lette